Source: Zero Hedge
Video: Oath
Video: Speech

The full text of Donald Trump’s inauguration speech

January 20, 2017

 

Chief Justice Roberts, President Carter, President Clinton, President Bush, President Obama, fellow Americans, and people of the world: thank you.
We, the citizens of America, are now joined in a great national effort to rebuild our country and restore its promise for all of our people.
Together, we will determine the course of America and the world for many, many years to come.
We will face challenges. We will confront hardships. But we will get the job done.
Every four years, we gather on these steps to carry out the orderly and peaceful transfer of power, and we are grateful to President Obama and First Lady Michelle Obama for their gracious aid throughout this transition. They have been magnificent. Thank you.
Today’s ceremony, however, has very special meaning. Because today we are not merely transferring power from one Administration to another, or from one party to another – but we are transferring power from Washington DC and giving it back to you, the people.
For too long, a small group in our nation’s Capital has reaped the rewards of government while the people have borne the cost.
Washington flourished – but the people did not share in its wealth.
Politicians prospered – but the jobs left, and the factories closed.
The establishment protected itself, but not the citizens of our country.
Their victories have not been your victories; their triumphs have not been your triumphs; and while they celebrated in our nation’s capital, there was little to celebrate for struggling families all across our land.
That all changes – starting right here, and right now, because this moment is your moment: it belongs to you.
It belongs to everyone gathered here today and everyone watching all across America.
This is your day. This is your celebration.
And this, the United States of America, is your country.
What truly matters is not which party controls our government, but whether our government is controlled by the people.
January 20, 2017, will be remembered as the day the people became the rulers of this nation again.
The forgotten men and women of our country will be forgotten no longer.
Everyone is listening to you now.
You came by the tens of millions to become part of a historic movement the likes of which the world has never seen before.
At the center of this movement is a crucial conviction: that a nation exists to serve its citizens.
Americans want great schools for their children, safe neighborhoods for their families, and good jobs for themselves.
These are just and reasonable demands of righteous people and a righteous public.
But for too many of our citizens, a different reality exists: mothers and children trapped in poverty in our inner cities; rusted-out factories scattered like tombstones across the landscape of our nation; an education system, flush with cash, but which leaves our young and beautiful students deprived of all knowledge; and the crime and the gangs and the drugs that have stolen too many lives and robbed our country of so much unrealized potential.
This American carnage stops right here and stops right now.
We are one nation – and their pain is our pain. Their dreams are our dreams; and their success will be our success. We share one heart, one home, and one glorious destiny.
The oath of office I take today is an oath of allegiance to all Americans.
For many decades, we’ve enriched foreign industry at the expense of American industry; subsidized the armies of other countries while allowing for the very sad depletion of our military; we’ve defended other nations’ borders while refusing to defend our own; and spent trillions and trillions of dollars overseas while America’s infrastructure has fallen into disrepair and decay.
We’ve made other countries rich while the wealth, strength, and confidence of our country has dissipated over the horizon.
One by one, the factories shuttered and left our shores, with not even a thought about the millions and millions of American workers that were left behind.
The wealth of our middle class has been ripped from their homes and then redistributed all across the world.
But that is the past. And now we are looking only to the future.
We assembled here today are issuing a new decree to be heard in every city, in every foreign capital, and in every hall of power.
From this day forward, a new vision will govern our land.
From this day forward, it’s going to be only America first, America first.
Every decision on trade, on taxes, on immigration, on foreign affairs, will be made to benefit American workers and American families.
We must protect our borders from the ravages of other countries making our products, stealing our companies, and destroying our jobs. Protection will lead to great prosperity and strength.
I will fight for you with every breath in my body – and I will never, ever let you down.
America will start winning again, winning like never before.
We will bring back our jobs. We will bring back our borders. We will bring back our wealth. And we will bring back our dreams.
We will build new roads, and highways, and bridges, and airports, and tunnels, and railways all across our wonderful nation.
We will get our people off of welfare and back to work – rebuilding our country with American hands and American labor.
We will follow two simple rules: buy American and hire American.
We will seek friendship and goodwill with the nations of the world – but we do so with the understanding that it is the right of all nations to put their own interests first.
We do not seek to impose our way of life on anyone, but rather to let it shine as an example for everyone to follow.
We will reinforce old alliances and form new ones – and unite the civilized world against radical Islamic terrorism, which we will eradicate from the face of the Earth.
At the bedrock of our politics will be a total allegiance to the United States of America, and through our loyalty to our country, we will rediscover our loyalty to each other.
When you open your heart to patriotism, there is no room for prejudice.
The Bible tells us: “How good and pleasant it is when God’s people live together in unity.”
We must speak our minds openly, debate our disagreements honestly, but always pursue solidarity.
When America is united, America is totally unstoppable.
There should be no fear – we are protected, and we will always be protected.
We will be protected by the great men and women of our military and law enforcement and, most importantly, we are protected by God.
Finally, we must think big and dream even bigger.
In America, we understand that a nation is only living as long as it is striving.
We will no longer accept politicians who are all talk and no action – constantly complaining but never doing anything about it.
The time for empty talk is over.
Now arrives the hour of action.
Do not let anyone tell you it cannot be done. No challenge can match the heart and fight and spirit of America.
We will not fail. Our country will thrive and prosper again.
We stand at the birth of a new millennium, ready to unlock the mysteries of space, to free the Earth from the miseries of disease, and to harness the energies, industries and technologies of tomorrow.
A new national pride will stir ourselves, lift our sights, and heal our divisions.
It is time to remember that old wisdom our soldiers will never forget: that whether we are black or brown or white, we all bleed the same red blood of patriots, we all enjoy the same glorious freedoms, and we all salute the same great American Flag.
And whether a child is born in the urban sprawl of Detroit or the windswept plains of Nebraska, they look up at the same night sky, they fill their heart with the same dreams, and they are infused with the breath of life by the same almighty Creator.
So to all Americans, in every city near and far, small and large, from mountain to mountain, and from ocean to ocean, hear these words:
You will never be ignored again.
Your voice, your hopes, and your dreams, will define our American destiny. And your courage and goodness and love will forever guide us along the way.
Together, we will make America strong again.
We will make America wealthy again.
We will make America proud again.
We will make America safe again.
And, yes, together, we will make America great again. Thank you, God bless you, and God bless America.

Annunci

Boris: perchè dobbiamo uscire dall’UE

Fonte Testo: Conservative Home
Video: Discorso
Video: Q&A

Boris: perchè dobbiamo uscire dall’UE

Boris Johnsson
9 Maggio 2016

 

Mi fa piacere che questa campagna sia stata finora relativamente priva di attacchi personali — speriamo che continui così — ma l’altro giorno qualcuno mi ha insultato in termini che ricordano la Russia sovietica degli anni ’20, dicendo che non ho diritto di votare Leave perché in realtà sono un “liberale cosmopolita” (liberal cosmopolitan).

Questo all’inizio mi ha colpito. Poi ho deciso che come insulto non mi dispiace affatto — dato che è probabilmente vero. Per questo stamattina voglio spiegare il motivo per cui la campagna per lasciare l’UE sta attirando altri spiriti liberali e persone che ammiro come David Owen e Gisela Stuart, Nigel Lawson, John Longworth — persone che amano l’Europa, che si sentono a casa sul continente, ma il cui atteggiamento verso il progetto di Unione europea è diventato sempre più duro nel corso del tempo.

Per molti di noi che siamo diventati profondamente scettici, l’evoluzione è stata più o meno la stessa: abbiamo iniziato decenni fa mettendo in discussione le assurdità anti-democratiche dell’UE. Poi abbiamo cominciato a fare campagna per una riforma, e ci siamo eccitati nel 2013 al discorso di Bloomberg del Primo MInistro (video: Bloomberg Speech). Poi siamo rimasti sempre più senza speranza dato che nessuna riforma era in arrivo. Infine, grazie al referendum concesso a questo paese da David Cameron, una porta si è magicamente aperta nelle nostre vite.

Possiamo vedere i prati soleggiati oltre quella soglia. Penso che saremmo pazzi a non cogliere questa occasione unica nella vita di oltrepassare quella soglia. Perché la verità è che non siamo stati noi a cambiare: è l’Unione europea ad essere diventata irriconoscibile. Continuare ad insistere che l’UE riguarda l’economia è come dire che la mafia italiana è interessata all’olio d’oliva e al settore immobiliare: è vero ma dà una immagine profondamente irrealistica dei reali obiettivi di tale organizzazione. Quella che una volta era la Comunità Economica Europea (CEE) negli ultimi 30 anni ha subito una metamorfosi drammatica. E il punto cruciale è che sta diventando sempre più accentratrice, interferente e anti-democratica.

Basta leggere il Trattato di Lisbona — le cui disposizioni costituzionali erano state respinte da tre popoli dell’UE: i francesi, gli olandesi e gli irlandesi — per vedere fino a che punto la cosa si è spinta avanti rispetto a quello che noi abbiamo sottoscritto nel 1972. Bruxelles ha ora competenza esclusiva o esplicita per commercio, dogane, concorrenza, agricoltura, pesca, ambiente, protezione dei consumatori, trasporti, reti trans-europee, energia, libertà, sicurezza e giustizia, e ha nuovi poteri su cultura, turismo, istruzione e gioventù. L’UE ha già notevoli poteri di fissare le aliquote della tassazione indiretta su tutto il territorio delle 28 nazioni, e, naturalmente, ha il controllo totale della politica monetaria per tutti i 19 paesi dell’eurozona.

Negli ultimi anni Bruxelles ha acquisito un proprio ministro degli Esteri, una propria serie di ambasciate UE in tutto il mondo, e continua a sviluppare la propria politica di difesa. Dobbiamo smetterla di prendere in giro il popolo britannico; dobbiamo smetterla di dire una cosa a Bruxelles e un’altra per il pubblico nazionale; dobbiamo piantarla con la sistematica campagna di sotterfugi — per nascondere al pubblico la dimensione dei cambiamenti costituzionali coinvolti. Dobbiamo guardare alla realtà giuridica: si tratta di uno sforzo costante e in accelerazione per costruire uno stato chiamato Europa.

Guardate quella lista di competenze derivanti dal Trattato di Lisbona — con 45 nuovi ambiti in cui la Gran Bretagna può essere messa in minoranza nel voto a maggioranza qualificata — e potete capire perché la Biblioteca della Camera dei Comuni (House of Commons Library) ha più volte confermato che, sommando normativa primaria e secondaria, l’UE sta ormai generando il 60% delle leggi che passano per il nostro parlamento.

L’indipendenza di questo paese è seriamente compromessa. È questo fondamentale problema democratico — questa erosione della democrazia — che mi spinge in questa lotta.

La gente è sorpresa e allarmata quando scopre che il nostro contributo lordo al bilancio UE è ora arrivato a circa 20 miliardi di £ l’anno, e che il contributo netto è di 10 miliardi di £. E il problema non è solo che noi non abbiamo alcun controllo su come il denaro viene speso: è che nessuno ha un vero controllo — motivo per cui la spesa UE è costantemente associata alla corruzione. Naturalmente la campagna del Remain banalizza questo contributo britannico come cosa da poco, anche se potrebbe essere usato per finanziare un nuovo ospedale ogni settimana. Ma questo costo è, in un certo senso, il minore dei costi imposti dall’UE al nostro paese.

È profondamente corrosivo della fiducia popolare nella democrazia il fatto che ogni anno i politici del Regno Unito dicano alla gente che possono ridurre l’immigrazione al livello delle decine di migliaia di persone — per poi scoprire che mancano questi target di centinaia di migliaia di persone, con l’effetto di aggiungere ogni anno una popolazione delle dimensioni di Newcastle, con tutta la pressione che questo mette sul servizio sanitario nazionale (NHS) e sugli altri servizi pubblici, sempre più sottofinanziati.

Nella nostra disperata incapacità di rispettare i cosiddetti target, allontaniamo brillanti studenti provenienti dai paesi del Commonwealth, che vogliono pagare per venire nelle nostre università; facciamo fatica a reclutare personale per il nostro servizio sanitario nazionale — il contrario di quanto avviene dal lato dell’uso dei suoi servizi — perché non abbiamo assolutamente alcun potere di controllo sulla quantità di immigrati in ingresso senza offerte di lavoro e senza titolo di studio provenienti dai 28 paesi dell’UE. Io sono a favore dell’immigrazione, ma sono anche a favore del suo controllo e del fatto che i politici si assumano la responsabilità per ciò che sta accadendo. Penso che la gente sia sconcertata dal sentirsi dire che questo fondamentale potere di uno stato — poter  decidere chi ha il diritto di vivere e lavorare nel proprio paese — ci è stato tolto e ora si trova a Bruxelles.

E questo è solo un aspetto della continua erosione del diritto dei cittadini di decidere le loro priorità, e di mandare via, alle elezioni, chi prende le decisioni politiche. È triste che i nostri poteri di auto-governo economico si siano così ristretti che il Cancelliere dello Scacchiere deve andare personalmente in giro a chiedere agli altri ministri delle Finanze di permettergli di tagliare l’IVA sui tamponi. E, per quanto ne so, non abbiamo ancora ricevuto il permesso.

È molto preoccupante che la Corte di Giustizia Europea — quella con sede in Lussemburgo, non quella di Strasburgo (Francia) — possa ora pronunciarsi liberamente sulle questioni dei c.d. diritti umani, ad es. se questo paese abbia il diritto di espellere persone che il Ministero dell’Interno considera una minaccia per la nostra sicurezza. Ed è singolare che il governo stia ora attaccando il moscerino della Convenzione e della Corte di Strasburgo (le cui decisioni non sono effettivamente vincolanti per i tribunali del Regno Unito), mentre ingoia il cammello dell’ art. 55 sui Diritti fondamentali, che è completamente sotto il controllo della Corte europea con sede in Lussemburgo, dato che le sentenze di questa Corte sono vincolanti e devono essere applicate da tutti i tribunali di questo paese, e anche dal parlamento.

È assurdo che la Gran Bretagna — storicamente una grande nazione di libero scambio — per 42 anni non abbia potuto fare un accordo di libero scambio con Australia, Nuova Zelanda, Cina, India e America.

È soprattutto ridicolo che il Remain ci racconti che, dopo l’accordo di febbraio, siamo in una UE “riformata”, quando non c’è stato il minimo cambiamento nelle competenze dell’Unione europea, nessuna modifica dei trattati, nulla sull’agricoltura, nulla sul ruolo della Corte UE, nulla di sostanziale sui confini — nulla di lontanamente somigliante al programma di cambiamento che era stato promesso da Cameron nel discorso di Bloomberg del 2013.

In quell’eccellente discorso il Primo Ministro aveva attaccato ferocemente la mancanza di competitività della EU, la sua lontananza dagli elettori, il suo muoversi senza sosta nella direzione sbagliata. Per usare le sue stesse parole:

Il più grande pericolo per l’Unione europea non viene da coloro che sostengono il cambiamento, ma da coloro che denunciano il nuovo pensiero come eresia. Nella sua lunga storia l’Europa ha sperimentato che gli eretici avevano ragione.
Più Europa non permetterà all’Unione europea di tenere il passo con le nuove potenze economiche. Più Europa non riavvicinerà l’Unione europea ai suoi cittadini. Più Europa produrrà ancora di più la stessa cosa — meno competitività, meno crescita, meno posti di lavoro. E questo renderà i nostri paesi più deboli, non più forti. È per questo che abbiamo bisogno di cambiamenti radicali, di vasta portata.

Allora aveva ragione.

Ci è stato detto che occorrevano “una riforma radicale” e un cambiamento “vero e proprio” dei Trattati “prima del referendum” — altrimenti il governo era intenzionato a fare campagna per uscire dall’UE. E, francamente, questo è ciò che il governo dovrebbe fare ora. Se si guarda a quello che ci era stato promesso e a quello che abbiamo ottenuto, il governo oggi dovrebbe, per coerenza logica, fare campagna dalla nostra parte.

Ci è stato detto molte volte — dal Primo Ministro, dal Segretario di Stato e dal Cancelliere — che volevamo ottenere cambiamenti reali in materia di libera circolazione, tali per cui fosse necessario avere già un posto di lavoro prima di poter venire qui. Non abbiamo ottenuto questo cambiamento.

Ci è stato detto che avremmo ottenuto un effettivo opt-out dalla Carta dei diritti fondamentali — che tra l’altro dà alla Corte di Giustizia del Lussemburgo il potere di determinare l’applicazione della Convenzione del 1951 su Rifugiati e richiedenti asilo, nonché sull’estradizione, sulla tutela dei minori e i diritti delle vittime. Non abbiamo ottenuto nulla.

Ci è stato detto che saremmo stati in grado di impedire ai paesi dell’Eurozona di utilizzare le istituzioni EU per creare un’unione fiscale e politica. Invece abbiamo rinunciato al nostro diritto di veto.

La Relazione dei Cinque Presidenti rende chiaro che non appena sarà tolto di mezzo il referendum del Regno Unito, si procederà con nuove strutture di integrazione politica e fiscale di cui noi non dovremmo far parte in alcun modo, ma in cui inevitabilmente ci troveremo coinvolti, esattamente come siamo stati costretti — a dispetto delle promesse del contrario — a partecipare al salvataggio della Grecia. Vogliono procedere con nuove norme EU in materia di diritto societario, di diritti di proprietà e su tutti gli aspetti del diritto del lavoro e anche sulla tassazione — e noi ci troveremo trascinati dentro.

Chiamare tutto questo una “UE riformata” è un crimine contro il Trade Description Act, o meglio, contro la Direttiva sulle pratiche commerciali sleali nell’UE che lo ha rimpiazzato nel 2008. Il sistema UE è un dispositivo che ci spinge sempre più in una struttura federale.

Abbiamo avuto la dimostrazione, più e più volte, che non possiamo cambiarne la direzione. Non possiamo cambiarne i tempi. Non possiamo interrompere la costante erosione della democrazia. E siccome noi non accettiamo la meta finale, è il momento di dire ai nostri amici e partner, in uno spirito di estrema cordialità, che vogliamo un nuovo rapporto basato sul libero scambio e sulla cooperazione intergovernativa.

BoJo

Dobbiamo votare Leave il 23 giugno. Nel frattempo dobbiamo affrontare i tre grandi miti spacciati per verità dalla campagna per il Remain.

Il primo è il cosiddetto argomento economico — I remainers ammettono che c’è una perdita di indipendenza politica, ma sostengono che lo scambio è economicamente vantaggioso.

Il secondo potrebbe essere definito l’argomento della Pace-in-Europa — L’UE è associata a 70 anni di stabilità, e dobbiamo restare per evitare che i carri armati tedeschi attraversino il confine con la Francia.

Il terzo argomento è più astratto, ma ha effetto su alcune persone — È l’idea che non si possa davvero voler lasciare l’UE senza essere in qualche modo anti-europei, e che il Remain quindi abbia il monopolio del cosmopolitismo liberale.

Tutti e tre gli argomenti sono completamente infondati.

L’errore più grave è credere che ci sia un qualche efficace e ragionevole trade-off tra la perdita di controllo democratico e una maggiore prosperità economica. Tutta la base argomentativa del Remain è che c’è un costo democratico ma anche un beneficio economico, che accettando che il 60% delle nostre leggi sia fatto a Bruxelles vedremo una grande spinta nel nostro commercio, nelle nostre esportazioni e nella performance economica complessiva dell’UE. Questo si sta rivelando semplicemente falso.

La perdita di controllo democratico è moralmente dannosa e socialmente rischiosa e i benefici economici di rimanere soggettati alla macchina legislativa del Mercato Unico  — invece che avere solo accesso al Mercato Unico — sono in realtà molto difficili da rilevare.

Il governo vuole che restiamo bloccati dentro alla macchina legislativa del Mercato Unico, esposti a 2500 nuove regolamentazioni UE all’anno. Ciò che invece noi del Leave vogliamo è che la Gran Bretagna, come già molti altri paesi, abbia accesso al libero scambio nel territorio coperto dal Mercato Unico, ma senza essere soggetta all’imperio del diritto EU, che è vasto, montante e guidato da obiettivi politici.

C’è una grande quantità di evidenze che questa è la posizione più ragionevole. Prendete i due importanti periodi di 20 anni prima e dopo la creazione del Mercato Unico, cioè 1973-1992 e 1992-2012.

Ci hanno detto che il Mercato Unico sarebbe stato un grande generatore di posti di lavoro e di ricchezza — 800 miliardi di euro di PIL EU aggiuntivo, diceva il Rapporto Cecchini. Ci hanno detto che avrebbe fatto sfrecciare le esportazioni sempre più velocemente attraverso i confini. In realtà, cos’è successo?

Ha la Gran Bretagna esportato di più verso il resto della CEE a 11, per effetto del Mercato Unico? No, affatto: il tasso di crescita è rallentato, come Michael Burrage ha dimostrato quest’anno. Le esportazioni britanniche di beni alla fine del secondo ventennio sono in realtà il 22% più giù di dove sarebbero se avessero continuato a crescere al ritmo del ventennio pre-1992. Prevengo l’obiezione che questo possa essere solo il risultato di un peggioramento delle prestazioni della Gran Bretagna nell’esportazione di manufatti: lo stesso andamento negativo si è registrato anche negli altri 12 paesi della CEE.

Ci hanno detto che i beni avrebbero cominciato a girare nella CEE come in un ciclotrone sovralimentato; invece il tasso di crescita si è appiattito: 14,6% più basso che nel ventennio precedente, quando non c’era mercato unico.

Allora, qual è stato il vantaggio decisivo per la Gran Bretagna, o per qualsiasi altro paese, nello stare all’interno di questo sistema, nell’accettare queste migliaia di regolamenti con stessa taglia per tutti (one-size-fits-all)? In realtà si può sostenere che molti paesi sono andati meglio restandone fuori, liberi dalla burocrazia UE. Durante questo decantato Mercato Unico, dal 1992 al 2011, in 27 paesi non-UE le esportazioni di beni verso il resto dell’UE sono cresciute più velocemente di quelle del Regno Unito. E — cosa più imbarazzante di tutte — 21 paesi hanno fatto meglio del Regno Unito nella esportazione di servizi verso gli altri della CEE a 11.

Allora, dov’è il grande rilancio europeo che doveva essere guidato dal Mercato Unico del 1992? Nei 20 anni successivi all’inizio del mercato unico, il tasso di crescita nei paesi dell’Unione Europea è stato effettivamente inferiore a quello dei paesi extra-UE dell’OCSE. Sono i paesi indipendenti ad aver fatto meglio, mentre l’UE è un micro-clima con tassi di disoccupazione scandalosamente alti. Quest’anno si prevede che gli Stati Uniti cresceranno del 2,4%, la Cina del 6,5%, la Nuova Zelanda del 2%, l’Australia del 2,5 % e l’India del 7,5%. L’eurozona dell’1,5%.

Tutta quella crescita in più che ci avevano promesso, tutti quei posti di lavoro in più… Le promesse del Mercato Unico appaiono sempre più fraudolente. Non ha aumentato il tasso di esportazioni britanniche verso l’UE; non ha nemmeno favorito la crescita delle esportazioni tra gli UE 12; e non ha impedito che una generazione di giovani — in una enorme fascia di paesi del Mediterraneo — fosse gettata nel dimenticatoio.

Che cosa ha fatto quel corpus di regolamentazione UE per guidare l’innovazione? Ci sono più brevetti da fuori UE in corso di registrazione presso l’ufficio brevetti UE che dall’interno della stessa UE. L’Eurozona non ha università tra le prime 20 al mondo, è rimasta tristemente dietro all’America nella rivoluzione tecnologica — a dispetto di tutte quelle direttive che ricordo dagli anni ’90 su les réseaux télématiques (le reti telematiche). O piuttosto l’UE è rimasta indietro proprio a causa di quelle direttive.

In un sacco di altre parti del mondo il libero mercato e la concorrenza hanno ridotto le tariffe di roaming e tagliato i prezzi dei biglietti aerei — senza bisogno di una vasta burocrazia sovranazionale imposta da un tribunale sovranazionale.

Sento di nuovo le argomentazioni della City di Londra e le ansietà che esprimono. Le abbiamo già sentite 15 anni fa, quando molti degli stessi Remainers profetizzavano il disastro per la City di Londra se non avessimo aderito all’euro. Dicevano che tutte le banche sarebbero fuggite a Francoforte. Ebbene: oggi Canary Wharf da sola è molto più grande del centro finanziario di Francoforte. E ha continuato a crescere senza sosta dal crollo del 2008.

Quanto all’argomento che abbiamo bisogno del muscolo dato dall’appartenenza all’Unione europea se vogliamo fare accordi commerciali … guardate i risultati dopo 42 anni di appartenenza. L’UE ha fatto accordi commerciali con l’Autorità Palestinese e con San Marino. Bravi! Ma non è riuscita a concludere accordi con l’India, la Cina e nemmeno con l’America.

Perché? Perché negoziare per conto dell’UE è come cercare di cavalcare un cavallo in una grande pantomima con 28 persone che tirano ciecamente in direzioni diverse. Per decenni gli accordi con l’America sono stati bloccati dall’industria cinematografica francese, e gli attuali negoziati TTIP sono in stallo, almeno in parte, perché i produttori di feta greca non accettano l’idea che esista la feta americana. Possono avere ragione, dal punto di vista del gusto, ma non dovrebbe essere qualcosa che ritarda un accordo nel nostro paese.

Il commercio globale non è esercitato per gentile concessione di persone come Peter Mandelson. Le persone e le imprese commerciano tra loro, e sempre lo faranno fino a quando avranno qualcosa da comprare e da vendere.

Ma va notato che anche quando l’UE fa accordi commerciali, non sembrano andare bene per la Gran Bretagna. In 10 degli ultimi 15 accordi, il commercio britannico con i nostri partner è in realtà rallentato invece che accelerare, dopo l’accordo. Dipende da un problema nostro o dall’accordo? Può essere che i funzionari UE non abbiano tenuto conto dei reali interessi dell’economia del Regno Unito, che è strutturalmente così diversa da Francia e Germania? Può essere che dipenda dal fatto che la totale ed esclusiva responsabilità per la politica commerciale del Regno Unito è nelle mani della Commissione europea, un organismo in cui solo il 3,6% dei funzionari proviene da questo paese?

Nel tentativo di calcolare costi e benefici dell’appartenere al Mercato Unico, dobbiamo sicuramente aggiungere il vasto costo derivante dall’impossibilità di fare accordi di libero scambio con i mercati più redditizi e in più rapida crescita al mondo, perché siamo nella UE.

Se si considera che solo il 6% delle imprese del Regno Unito esportano verso l’UE 28; se si considera che il 100% delle nostre imprese — grandi e piccole — devono rispettare ogni virgola dei regolamenti; e se si considera che i costi di questi regolamenti sono stimati a 600 milioni di £ la settimana … temo che si arriverà alla stessa conclusione di Wolfgang Munchau, il commentatore economico del Financial Times, che ha detto: “qualunque siano le ragioni per rimanere nella UE, non sono economiche”.

E così torno al mio punto: dobbiamo smetterla di fingere. Si tratta di politica, di un progetto politico che sta ormai andando fuori controllo. Per capire la gravità della nostra situazione, la trappola in cui ci troviamo, dobbiamo tornare al periodo immediatamente successivo alla seconda guerra mondiale, all’agonia e alla vergogna di un continente distrutto. C’erano due brillanti francesi — un funzionario con grandi connessioni americane chiamato Jean Monnet, e un ministro degli esteri francese che si chiamava Robert Schuman. Volevano utilizzare l’integrazione economica per rendere la guerra tra Francia e Germania una impossibilità non solo pratica ma psicologica.

È stato un esercizio di quella che credo si chiami terapia comportamentale: indurre un cambiamento negli atteggiamenti sottostanti forzando un cambiamento nel comportamento. La loro idea era di tessere una normativa sovranazionale che non solo legasse insieme gli ex combattenti, ma creasse una nuova sensazione di europeità.

Nelle parole di Schuman: “L’Europa sarà costruita attraverso realizzazioni concrete che creino una solidarietà di fatto”. Jean Monnet credeva che le persone sarebbero diventate “europee nella mente”, e che questo approccio prevalentemente funzionale e normativo avrebbe prodotto una identità europea e una coscienza europea.

Quasi 60 anni dopo il Trattato di Roma, non vedo molti segni che questo programma stia funzionando. Le élite europee hanno infatti creato un sistema di governo federale sempre più complicato, con una rapidità che supera di gran lunga la disponibilità emotiva e psicologica dei popoli d’Europa.

Le ragioni sono evidenti. Semplicemente non c’è una cultura politica comune in Europa; non ci sono media comuni, non c’è un comune senso dell’umorismo o della satira; e — cosa molto importante — nessuna consapevolezza reciproca della politica nazionale, per cui l’Unione europea nel suo complesso non ha un senso comune delle due cose indispensabili affinché una democrazia possa lavorare in modo efficiente: occorre fiducia, e occorre vergogna. Non c’è fiducia, in parte per l’ovvio motivo che spesso le persone non riescono a capire le rispettive lingue. Non c’è vergogna, perché non è chiaro chi si sta opprimendo se si abusa del sistema UE.

Questo è il motivo per cui c’è un tale altezzoso spreco e furto di fondi UE: perché è denaro di tutti e di nessuno.

Se si cammina per Londra oggi, si noterà che la bandiera a 12 stelle della UE sventola dappertutto, perché è il giorno di Schuman, il compleanno del fondatore di questo progetto, e le élite hanno decretato che ciò debba essere adeguatamente rimarcato. Sentiamo fedeltà per quella bandiera? Fa sussultare il nostro cuore mentre la guardiamo sventolare sopra agli edifici pubblici? Tutt’altro. I britannici condividono con gli altri popoli europei un crescente senso di estraneità, che è uno dei motivi per cui l’affluenza alle elezioni europee continua a diminuire.

Come lo stesso Jean-Claude Juncker ha osservato con disapprovazione, “troppi europei stanno tornando ad una mentalità nazionale o regionale”. Ma di fronte a tale disillusione, le élite europee stanno facendo esattamente la cosa sbagliata: invece di far tornare indietro i poteri, li stanno centralizzando. Invece di seguire l’orientamento della natura umana e dell’opinione pubblica, stanno insistendo sulla la stessa terapia comportamentale correttiva di Monnet e Schuman: più legislazione, più controllo federale. E ogni volta che c’è una crisi di qualsiasi genere, il grido è sempre lo stesso: “Più Europa, più Europa!”

Che cosa hanno fatto quando il muro di Berlino è crollato e i francesi furono presi dal panico dell’inevitabilità dell’unificazione tedesca? “Più Europa!”
Cosa stanno dicendo ora, dopo che la conseguente moneta unica è diventata un disastro? “Più Europa!”

Persistono nell’illusione che la coesione politica possa nascere forzando l’integrazione economica, e stanno ottenendo l’esatto opposto. Qual è l’esperienza distintiva del popolo greco, nel corso degli ultimi otto anni? È un’umiliazione completa, un senso di totale impotenza. Il tasso dei suicidi è aumentato del 35%; l’aspettativa di vita è in caduta. La disoccupazione giovanile è circa del 50%. È una vergogna assoluta per il nostro continente.

Questo è ciò che succede quando si distrugge la democrazia. Si sentono i greci più vicini ai tedeschi? Si sentono in una comunità di interessi? Ovviamente no.

In Austria l’estrema destra ha appena vinto le elezioni per la prima volta dagli anni ’30. Il Fronte Nazionale è in marcia in Francia, e Marine Le Pen potrebbe fare bene nelle elezioni presidenziali. Non si può dire che l’integrazione europea stia promuovendo nè la comprensione reciproca nè la moderazione, e le conseguenze economiche vanno dallo scarso al disastroso.

La risposta ai problemi dell’Europa di oggi non è “più Europa”, se questo significa forzare altra integrazione economica e politica. La risposta è nella riforma e nel far tornare i poteri indietro alle nazioni e alle persone. E in un ritorno agli accordi intergovernativi, almeno per questo paese — e questo significa votare Leave il 23 giugno.

E, naturalmente, qualcuno in questo paese si sente giustamente turbato da un senso di dovere di vicinato. Ci sono Remainers che possono concordare con la gran parte di quanto sopra: cioè che i vantaggi economici per la Gran Bretagna sono o esagerati o inesistenti. Ma si sentono a disagio a tirarsi fuori dall’Unione europea nel suo momento del bisogno, quando i nostri vicini sono in difficoltà. Ed è a questo punto che arriva il cosiddetto argomento della “Pace in Europa”: l’idea che se la Gran Bretagna lascia l’Unione europea, ci possa essere un ritorno dei massacri sui Flanders Fields.

Questo argomento sottostima in modo grossolano quanto l’Europa è cambiata, e quanto la garanzia della NATO ha davvero sostenuto la pace in Europa. Ho visto il disastro quando l’UE è stata incaricata di mettere ordine nella ex Jugoslavia, e ho visto come la NATO l’ha risolto. E sottovaluta la misura in cui è la stessa UE, con le sue tendenze anti-democratiche, a rappresentare ormai una fonte di instabilità e di estraneamento.

L’Europa deve affrontare le due crisi gemelle della migrazione di massa e dell’euro, che si è rivelato un disastro per alcuni Stati membri. E la triste verità è che i rischi nel restare in questa UE non riformata si stanno intensificando e invece che diminuire.

Nelle prossime sei settimane dobbiamo educatamente ma senza tregua porre le seguenti domande al Primo Ministro e alla campagna per il Remain

  1. Come si può controllare l’immigrazione UE verso questo paese?
  2. Il nostro Reddito Minimo (Living Wage) è una politica eccellente, ma come si può evitare che operi da grande fattore di richiamo per una migrazione incontrollata dall’UE, dato che è di gran lunga superiore al Salario Minimo in altri paesi dell’UE?
  3. Come pensate di evitare che la Corte Europea di Giustizia interferisca sempre di più in materia di immigrazione, asilo, diritti umani, e in tutte le altre questioni che non hanno nulla a che fare con il cosiddetto Mercato Unico?
  4. Perché avete rinunciato al veto del Regno Unito su ulteriori passi verso un’unione fiscale e politica?
  5. Come potete evitare che ci veniamo trascinati dentro, e che veniamo costretti a pagare?

La verità è che la campagna per il Remain non ha risposte per nessuna di queste domande: ci chiedono di rimanere in un’UE del tutto non riformata e che punta nella direzione sbagliata.

Se il 23 giugno scegliamo il Leave, possiamo ancora esercitare una leadership su molte questioni. Possiamo contribuire alle discussioni sulla sicurezza, sulla lotta al terrorismo, sulla politica estera e di difesa, come abbiamo sempre fatto. Ma tutte queste conversazioni possono essere condotte in un quadro intergovernativo, e senza la necessità di strumenti giuridici imposti dalla Corte di Giustizia Europea. Saremo sempre in grado di collaborare per l’ambiente, in materia di migrazione, sulla scienza e la tecnologia. Continueremo ad avere scambi di studenti.

Avremo scambi commerciali quanto prima, se non di più. Potremo amare i nostri concittadini europei, sposarli, vivere con loro, condividere la gioia di scoprire le nostre diverse culture e lingue — ma non saremo soggetti alla giurisdizione di un unico giudice e di un sistema giuridico che si sta rivelando sempre più aberrante e che non viene imitato da nessun’altra area commerciale al mondo.

Non perderemo influenza in Europa e nel mondo — al contrario, si potrebbe sostenere che guadagneremo peso. Siamo soffocati al tavolo di Bruxelles; siamo messi in minoranza molto più di qualsiasi altro paese — 72 volte negli ultimi 20 anni, e sempre più regolarmente dal 2010; e l’Eurozona ha ora una maggioranza precostituita su tutte le questioni.

Noi riprenderemo e metteremo al sicuro la nostra voce —come la 5° più grande economia del mondo — in organismi internazionali come WTO, IMF o CITES, dove l’UE ci sta sempre più sostituendo e avanza la pretesa di parlare a nome nostro. Se si vuole una prova finale e conclusiva della nostra incapacità di “restare a modo nostro” a Bruxelles — e del disprezzo con cui saremo trattati se votiamo per il Remain — basta guardare all’accordo di Cameron e al totale fallimento del tentativo di ottenere un qualsiasi cambiamento di una qualche importanza.

Ma soprattutto — per arrivare al terzo punto chiave dei Remainerslasciando l’UE non, ripeto: non, stiamo lasciando l’Europa. Di tutti gli argomenti che usano, questo è quello che mi fa infuriare di più. Sono un figlio dell’Europa. Sono un liberale cosmopolita e la mia famiglia è una forza di pace delle Nazioni Unite in senso genetico.

Posso leggere romanzi in francese e posso cantare l’Inno alla gioia in tedesco e, se continuano ad accusarmi di essere un Little Englander, lo farò. Sia come redattore dello Spectator che come sindaco di Londra ho promosso l’insegnamento delle lingue europee moderne nelle nostre scuole. Ho dedicato gran parte della mia vita allo studio delle origini della nostra comune cultura europea e della civiltà dell’antica Grecia e di Roma.

Per questo trovo offensivo, insultante, irrilevante e positivamente cretino che mi sia detto — a volte da persone che riescono a malapena a parlare una lingua straniera — che appartengo ad un gruppo di xenofobi di mentalità ristretta. Perché la verità è che oggi è Brexit il grande progetto del liberalismo europeo, e temo che sia l’UE — pur con tutti gli alti ideali con cui era partita — a rappresentare ormai l’Ancien Regime. Siamo noi che stiamo parlando per il popolo, mentre loro difendono un sistema di governo oscurantista e universalista, che è ormai andato ben oltre la sua data di scadenza, e che è sempre più lontano dagli elettori comuni.

Siamo noi del Leave — non loro — ad essere collocati nella tradizione liberale dell’Illuminismo europeo e cosmopolita — non solo di Locke e Wilkes, ma di Rousseau e Voltaire. E anche se loro sono molti, e anche se sono molto ben finanziati, e anche se sappiamo che possono usare il denaro dei contribuenti senza limiti per i loro volantini, siamo noi pochi, noi felici pochi, che abbiamo l’inestimabile vantaggio di credere fortemente nella nostra causa e di sapere che la storia ci darà ragione. E vinceremo esattamente per la stessa ragione per cui i greci hanno battuto i persiani a Maratona — perché loro stanno combattendo per una obsoleta ideologia assolutista, mentre noi stiamo combattendo per la libertà.

Questa è la scelta del 23 giugno.

Tra riprendere il controllo del nostro denaro — o dare altri 100 miliardi di £ a Bruxelles prima delle prossime elezioni.

Tra decidere chi vogliamo che venga qui a vivere e lavorare — o lasciarlo decidere all’UE.

Tra una Gran Bretagna dinamica, liberale, cosmopolita, aperta al libero commercio globale e prospera — o una Gran Bretagna in cui rimaniamo sottomessi ad un sistema anti-democratico, messo a punto negli anni ’50, che è ora attivamente responsabile della bassa crescita e in alcuni casi la disperazione economica.

Tra credere nella possibilità di speranza e cambiamento in Europa — o accettare di non avere altra scelta che farci intimidire e sottomettere.

Si tratta di una scelta tra essere trascinati sempre più in un superstato federale, o prendere posizione ora.

Votiamo Leave il 23 giugno, e riprendiamo controllo della nostra democrazia.

Boris, Obama and the PC Tribe

There has been a too easy straw man on Boris Johnsson‘s column for the Sun UK and America can be better friends than ever Mr Obama… if we LEAVE the EU. The Politically Correct Tribe is focusing its rage on one sentence, misreported, to avoid the real argument made by Boris. They’re blaming him of racism, colonialism praise, and other nonsense of the sort.

Let’s look at what Boris writes for a brief fact checking.

1. At the start of the Obama Administration the Churchill bust in the Oval Office was returned to the British embassy in Washington. Hence: that bust “vanished” from that room — a simple proven fact (NYT and WP). ✓

2. “No one was sure whether the President had himself been involved in the decision” — a doubt (whatever the “White House officials” may claim, one can hardly imagine the President not having a say on that. Later, “questioned about the issue during his visit to London, Obama for the first time admitted he decided to remove the bust”). ✓

3. “No one could quite explain why” — another doubt, it still remains. ✓

4. These two doubts are the “mysterious” side in a Boris-style dramatized description. ✓

5. Boris refers opinions advanced by other people on “why”:
a) Some said it was a snub to Britain.
b) Some said it was a symbol of the part-Kenyan President’s ancestral dislike of the British empire – of which Churchill had been such a fervent defender
c) Some said that perhaps Churchill was seen as less important than he once was. Perhaps his ideas were old-fashioned and out of date.

6. Point b is where the PC tribe has been unleashed, as if it were a Boris statement, deliberately avoiding to recall he was citing opinions by others and not taking them for granted.
As the NYT reports, the idea was … advanced most prominently in “The Roots of Obama’s Rage,” a 2010 book by the conservative commentator Dinesh D’Souza.
But it had already been suggested before. “In 2009 there was heated media discussion about whether this was Obama’s payback to Churchill / Britain for what the Empire did in Kenya. This discussion was widespread”.
In the The Telegraph (14 February 2009)

“It was during Churchill’s second premiership that Britain suppressed Kenya’s Mau Mau rebellion. Among Kenyans allegedly tortured by the colonial regime included one Hussein Onyango Obama, the President’s grandfather”

In the The Guardian (4 March 2009):

“Could Obama’s dual colonial heritage spell the end of the special relationship? US president harks back to his Irish-Kenyan ancestry by declaring March Irish-American month. But what does it mean for Britain?”.

As Brendan O’Neill (25 april 2016) remarks:

“In short, Obama may have taken certain actions, including in relation to the Churchill bust, because of his Kenyan heritage. Racist Guardian! This is how mental the Boris-bashing Twitterstorm has been: he has been demonised and made into handwringing headline fodder at the Guardian for reporting what the Guardian itself said seven years ago. Please tell me I am not losing my mind and that this really is the oddest, most manipulative Twitterstorm yet?”

Thereafter same assumption on Obama’s behaviour came from The Daily Mail (12 January 2011) and from Johann HariIndependent (28 October 2010): Not his finest hour: The dark side of Winston Churchill — :

George W Bush left a bust of Churchill near his desk in the White House, in an attempt to associate himself with the war leader’s heroic stand against fascism. Barack Obama had it returned to Britain. It’s not hard to guess why: his Kenyan grandfather, Hussein Onyango Obama, was imprisoned without trial for two years and was tortured on Churchill’s watch, for resisting Churchill’s empire.

Hari distinguishes between Churchill as imperialist and colonialist and Churchill as defender of freedom and democracy, something reflected in Boris point b and c. ✓

7. Boris is indeed interested in point c, and elaborates on that throughout the rest of the article, because this is the argument he wants to make: “Well, if that’s [less important, out of date] why Churchill was banished from the Oval Office, they could not have been more wrong. What was he fighting for, in the Second World War? Why did he work so hard for the American entry into the war? Yes, he was fighting for British survival; but he was also fighting against the dictatorships for democracy in Europe – for the right of the people to choose who makes their laws, and to kick them out at elections. At the very heart of Winston Churchill’s political beliefs was what he saw as the supreme right of every voter, with his or her little pencil, to decide who governs the country. And today it is a tragedy that the European Union – that body long ago established with the high and noble motive of making another war impossible – is itself beginning to stifle democracy, in this country and around Europe.”
And this is the very same issue at the core of the UK referendum on Brexit!   ✓

8. The “the back of the queue” remark made by Obama during his visit … may be seen as a confirmation that Boris got it right again on the relevance of point c: here an imperialist Obama is threatening the british people into the EU submission.

Now, let’s see how accurate the PC Tribe has been in some of its reporting:

The Guardian (22 april 2016):

Writing on Friday for the Sun, a right-leaning British tabloid, Johnson attacked “the part-Kenyan president’s ancestral dislike of the British empire” in an article urging Britons to leave the European Union when given the choice in a referendum to be held in June.

Independent (22 april 2016):

Conservative MP Nicholas Soames, who is the grandson of the late Sir Winston Churchill, was not impressed by the comment piece. “Appalling article by Boris Johnson in [The] Sun, totally wrong on almost everything,” he said.
Labour’s shadow chancellor John McDonnell called on Mr Johnson to withdraw the comment. “Mask slips again. Boris part-Kenyan Obama comment is yet another example of dog whistle racism from senior Tories. He should withdraw it,” he said.

Independent (22 april 2016) Boris Johnson is failing to convince us that his Brexit campaign is about more than xenophobia. — An almost totally invented rant by @nashriggins He probably never read Boris, whose argument for leaving the EU has always been about sovereignty and democracy, reacting in pavlovian mode to rumors.

According to Boris, Obama’s ‘colonial angst’ means he’s plotting to destroy Britain in the cruellest way possible – keeping us in the EU.
BoJo has utterly redefined paranoia by insinuating that Barack Obama wants to see Britain leaving the EU because of his Kenyan heritage. Where do you even begin to unravel the craziness?
According to Boris, the British people should completely ignore anything and everything President Obama has to say about June’s impending EU referendum because he’s part-Kenyan and thus maintains an “ancestral dislike” of the British Empire. As a result of his alleged colonial angst, Obama is now plotting to destroy Britain in the cruelest way he could possibly fathom: by keeping us in the EU.

La strana morte dell’euroscetticismo di sinistra

Fonte: The Spectator

La strana morte dell’euroscetticismo di sinistra

L’Unione Europea è ancora una ‘buona idea’? La mia domanda è: quanti crimini contro la libertà e la democrazia devono essere ancora commessi prima che quell’idea smetta di essere ‘buona’?

di Brendan O’Neill
17 Aprile 2016

Il dietro-front di Jeremy Corbyn sull’UE — che un tempo voleva lasciare, e in cui ora vuole restare — è diventato fonte di ilarità per gli euroscettici e segno di speranza per gli eurofili. Per gli anti-UE, il fatto che Corbyn avesse votato contro la permanenza nel Mercato Comune nel referendum del 1975 e contro i Trattati UE da parlamentare, mentre ora vuole che votiamo tutti per il remain, dimostra che personaggio inaffidabile egli sia. Per i pro-UE è la conferma che anche i più miscredenti nella UE possono vedere la luce. Il ‘peccatore che si converte’ — parole realmente usate dalla redazione del Guardian a proposito del nuovo Corbyn pro-UE — potrebbe essere uno strumento utile per far girare il voto, evidentemente.

Tuttavia, mentre riflettiamo o ridiamo sullo spostamento delle faglie tettoniche di Corbyn, non dobbiamo trascurare il quadro più vasto, e cioè la strana morte dell’euroscetticismo di sinistra. Non è solo Corbyn ad aver fatto una svolta di 180 gradi, dal vedere l’UE come un monolite antidemocratico da cui tenersi ben distanti, al dire ‘Oh, ma sì restiamoci, sono sicuro che possiamo farla funzionare’. Questa adozione, triste e cautamente vigliacca, di un approccio verso Bruxelles del tipo “meglio-il-diavolo-che-conosciamo” è avvenuta in una sinistra che un tempo si mobilitava contro l’UE più della destra.

Corbyn in passato ha denunciato i ‘gravi abusi dei diritti umani e delle risorse naturali’ da parte dell’UE e ha detto che l’obiettivo UE è sempre stato di ‘creare un enorme libero-mercato europeo’. Tony Benn, l’eroe dei corbynisti, una personalità molto rispettata ben al di là di quel circolo, ha costantemente avuto una linea anti-UE. Un paio di anni prima di morire ha tenuto una conferenza presso la Oxford Union in cui ha detto che l’UE soffoca la democrazia parlamentare, e per estensione indebolisce il ruolo del popolo. ‘Non è che io sia ostile agli stranieri, è che sono a favore della democrazia’, ha risposto all’instupidimento della sinistra raccolta ad Oxford, per la quale amare l’UE è cosa naturale (e indiscussa) quanto respirare.

Nel 1983, il Labour fu l’unico grande partito (se tralasciamo l’Ukip) a mettere l’uscita dall’UE nel suo manifesto. Quel manifesto fu la ‘più lunga lettera di un suicida della storia’, ma sicuramente gli euroscettici convengono che l’uscita dall’allora CEE era la sua sola proposta ragionevole. Come ha detto di recente la BBC, ‘Per tornare al manifesto del 1983, va ricordato che la posizione del Labour sull’EU è stata del tutto rovesciata’. Anche molti sindacati hanno ‘totalmente rovesciato’ la loro posizione, un tempo erano sospettosi di Bruxelles e ora sono più sospettosi di coloro che si oppongono a Bruxelles.

Lo strano atteggiamento della sinistra, favorevole ad una mega-istituzione contro cui un tempo si batteva, è ben rappresentato dalla figura di Yanis Varoufakis, figura di governo in Grecia mentre l’UE trattava quel paese con imperioso disprezzo, ricattando i suoi leader eletti per costringerli ad ignorare i desideri della stupida opinione pubblica e per imporre l’austerità. Nonostante questo, cosa ha suggerito Varoufakis alla sinistra britannica nelle ultime settimane? Dice che dobbiamo rimanere nella UE. L’UE può anche essere ‘ripugnante’, un ‘caos che si sta disintegrando’, ma noi dovremmo restarci attaccati, dice. Lo chiedo sul serio: ma cosa succede a questa gente? Io di solito odio usare la parola ‘sindrome’ per spiegare il comportamento politico delle persone, ma che io sia dannato se il comportamento di Varoufakis non ricorda la ‘Battered Wife Syndrome‘ (Sindrome della moglie picchiata). ‘Ci trattano terribilmente, ma restiamo’.

Come è successo che oggi essere una persona di sinistra significa avere avversione per gli euroscettici, mentre un tempo significava essere uno di loro? In parte dipende dalla politica della paura. Le persone di sinistra ora si sentono poche e sperse, e sono più propense a temere la gente comune e le sue passioni che a spronarle, cercano disperatamente di evitare qualsiasi tipo di turbamento politico e istituzionale, perché chissà cosa potrebbe succedere dopo… E così si aggrappano a Bruxelles, considerata il collante politico di un continente che altrimenti temono sarebbe squarciato da conflitti, pregiudizi e stupidità. C’è anche un forte odore di virtue signalling. Essere pro-UE è talora un atteggiamento non riflesso che serve a mostrare che sei un Buono, un Cosmopolita, non come quei tizi coi tatuaggi che pronunciano ‘England’ con tre sillabe. È come indossare un distintivo.

Ma più fondamentalmente, la strana morte dell’euroscetticismo di sinistra ci dice dell’abbandono, da parte della sinistra, dell’ideale della democrazia. Più la sinistra si allontana dalla gente comune e più vede l’opinione pubblica come un ammasso obeso, probabilmente razzista, da rieducare, piuttosto che come cittadini da riavvicinare alla politica. La svolta della sinistra dall’odio per l’UE al volerci almeno restare attaccata, è direttamente proporzionale alla sua perdita di fiducia nelle masse. La democrazia non è più vista come strumento di cambiamento progressivo. Quelli di sinistra ora hanno più fiducia nella UE che nei rumorosi stupidi abitanti delle loro città.

Per il lato sinistro della mia mente, quelli di sinistra dovrebbero essere l’avanguardia della lotta per lasciare l’UE. Il nostro movimento — per quel che resta — è l’erede dei Levellers, dei Cartisti e di altri che hanno difeso, e sono morti per, il diritto fondamentale di un popolo di decidere le istituzioni di governo. Invece ci mancano l’energia, l’audacia e le idee per argomentare contro la macchina di Bruxelles, che è esplicitamente progettata per portare la politica fuori della portata dei governati. Vergogna. Non soddisfatti di avere abbandonato la difesa della libertà di parola (per chiedere restrizioni contro l’hate speech) e l’universalismo (a vandaggio di una velenosa politica delle identità separate), ora la sinistra sta scaricando anche la democrazia. Quale dei suoi valori manterrà? Ne manterrà qualcuno? Cristo, quanto è mortificante essere di sinistra nel 21° secolo!

La sinistra che dice che dovremmo rimanere nell’UE richiama alla mente quegli orrendi radicali che rimasero nel Partito Comunista della Gran Bretagna anche dopo che i sovietici schiacciarono la rivoluzione ungherese nel 1956. ‘Sì, è stata una brutta cosa, ma il comunismo sovietico è ancora una buona idea’, dicevano. Ora, anche dopo che l’UE ha imposto governi tecnocratici in Italia e in Grecia, dopo che ha trattato il governo irlandese come un mazzo di “thick Paddies” [NdT: espressione spregiativa per indicare “rozzi Irlandesi”], dopo che ha offeso gli elettori francesi e olandesi per aver votato contro i trattati UE, e dato vita a un sistema di gestione del potere bizantino, in gran parte fuori della portata delle plebi europee, costoro dicono: ‘Sì, questo non va bene, ma l’Unione Europea è ancora una buona idea’. La mia domanda è questa: quanti crimini contro la libertà e la democrazia devono essere ancora commessi in nome di una ‘buona idea’ prima che quell’idea smetta di essere buona?

Discorso di Orban: resistere alla migrazione forzata

Fonte: LiveLeak

English version | Versione italiana

 

Time for resistance.
Orban speech on forced mass migration in Europe

by Viktor Orban
15 March 2016

The destiny of the Hungarians has become intertwined with that of Europe’s nations, and has grown to be so much a part of the union that today no single people — including the Hungarian people — can be free if Europe is not free.
And today Europe is as fragile, weak and sickly as “a flower being eaten away by a hidden worm”.

Today, 168 years after the great Wars of Independence of the European peoples, Europe, our common home, is not free!
Ladies and gentlemen, Europe is not free. Because freedom begins with speaking the truth. Today in Europe it is forbidden to speak the truth. Even if it’s made of silk, a muzzle is a muzzle.
It is forbidden to say that those arriving are not refugees, but Europe is threatened by migration.
It is forbidden to say that tens of millions are ready to set out in our direction.
It is forbidden to say that immigration brings crime and terror to our countries.
It is forbidden to point out that the masses arriving from other civilizations endanger our way of life, our culture, our customs and our christian traditions.
It is forbidden to point out that those who arrived earlier have already built up their own new, separate world for themselves, with its own laws and ideals, which is forcing apart the thousand-year-old structure of Europe.

it is forbidden to point out that this is not an accidental and unintentional chain of consequences, but a pre-planned and orchestrated operation: a mass of people directed toward us.
It is forbidden to say that in Brussels they are concocting schemes to transport foreigners here as quickly as possible and to settle them here, among us.
It is forbidden to point out that the purpose of settling people here is to reshape the religious and cultural landscape of Europe, and to reengineer its ethnic foundations — thereby eliminating the last barrier to internationalism: the nation states.

It is forbidden to say that Brussels is now stealthily devouring more and more slices of our national sovereignty, and that in Brussels many are now making a plan for a United States of Europe — for which no one has given authorization.

Ladies and gentlemen, today’s enemies of freedom are cut from a different cloth than the royal and imperial rulers of old, or those who ran the Soviet system: they use a different set of tools to force us into submission. Today they not imprison us, they do not transport us to concentration camps, and they do not send in tanks to occupy countries loyal to freedom.
Today the international media’s artillery bombardments, denunciations, threats and blackmail are enough — or rather have been enough so far.

The peoples of Europe are slowly awakening, they are regrouping, and will soon regain ground.

Europe’s beams that rest on the suppression of truth are creaking and cracking.
The peoples of Europe may have finally understood that their future is at stake: now not only their prosperity, cosy lives and jobs are at stake, but our very security and the peaceful order of our lives are menaced as well.
At last, the peoples of Europe, who have been slumbering in abundance and prosperity, have understood that the principles of life that Europe has been built on are in mortal danger.

Europe is the community of Christian, free and independent nations; equality of men and women; fair competition and solidarity; pride and humility; justice and mercy.

This time the danger is not attacking us the way wars and natural disasters do, suddenly pulling the rug from under our feet. Mass migration is a slow stream of water persistently eroding the shores. It is masquerading as a humanitarian cause, but its true nature is the occupation of territory. And what is gaining territory for them is losing territory for us.

Flocks of obsessed human rights defenders feel the overwhelming urge to reprimand us and to make allegations against us. Allegedly we are hostile xenophobes. But the truth is that the history of our nation is also one of inclusion and the history of intertwining of cultures. Those who have sought to come here as new family members, as allies, or as displaced persons fearing for their lives have been let in, to make a new home for themselves. But those who have come here with the intention of changing our country, shaping our nation in their own image, those who have come with violence and against our will — have always been met with resistance.

Ladies and gentlemen, at first they talk about only a few hundred, a thousand or two thousands relocated people. But not a single responsible European leader would dare to swear under oath that this couples of thousands will not eventually increase to tens or hundreds of thousands.

If we want to halt this mass migration first we must curb Brussels.
The main danger to Europe’s future does not come from those who want to come here, but from Brussels fanatical internationalism. We should not allow Brussels to place itself above the law. We shall not allow it to force upon us the bitter fruit of its cosmopolitan immigration policy. We shall not import to Hungary crime, terrorism, homophobia and synagogue-burning anti-semitism. There shall be no urban district beyond the reach of the law, there shall be no mass disorder. No immigrant riots here, and there shall be no gangs hunting down our women and daughters.

We shall not allow others to tell us whom we can let into our home and country, whom we will live alongside, and with whom we will share our country. We know how these things go. First we allow them to tell us whom we must take in, then they force us to serve foreigners in our own country. In the end we found ourselves being told to pack up and leave our own land. Therefore we reject the forced resettlement scheme, and we shall tolerate neither blackmail, nor threats.

The time has come to ring the warning bell. The time has come for opposition and resistance. The time has come to gather allies to us. The time has come to raise the flag of proud nations. The time has come to prevent the destruction of Europe, and to save the future of Europe.
To this end, regardless of party affiliation, we call on every citizen of Hungary to unite, and we call on every European nation to unite. The leader and citizens of Europe must no longer live in two separate worlds. We must restore the unity of Europe. We the peoples of Europe, cannot be free individually if we are not free together. If we unite our forces, we shall succeed; if we pull in different directions, we shall fail. Together we are strength, disunite we are weakness. Either together, or not at all — today this is the law.

Hungarians, in 1848 it was written in the book of the fate that nothing could be done against the Habsburg Empire. If we had then resigned ourselves to that outcome, our fate would have been sealed. And the german sea would have swallowed up the Hungarians.

In 1956 it was written in the book of fate that we were to remain an occupied and sovietized country until patriotism was extinguished in the very last hungarian. If then we had resigned ourselves to that outcome, our fate would have been sealed. And the soviet sea would have swallowed up the Hungarians.

Today it is written in the book of fate that hidden, faceless world powers will eliminate everything that is unique, autonomous, age-old and national. They will blend cultures, religions and populations until our many-faceted and proud Europe will finally become bloodless and docile. And if we resigned ourselves to this outcome, our fate will be sealed and we will be swallowed up in the enormous belly of the United States of Europe.

The task which awaits the Hungarian people, the nations of Central Europe and the other european nations which have not yet lost all common sense, is to defeat, rewrite and transform the fate intended for us. We hungarian and Poles know how to do this. We have been taught that one can only look danger in the face if one is brave enough. We must therefore grab the ancient virtue of courage out from under the silt of oblivion. First of all we must put steel in out spines, and we must answer clearly, with a voice loud enough to be heard far and wide, the foremost, the single most important question determining our fate: the question upon which the future of Europe stands or fall is this: “Shall we be slaves or men set free – that is the question, answer me!”. Go for it Hungary, go for it Hungarians!

Tempo di resistere.
Discorso sulla Migrazione forzata in Europa

di Viktor Orban
15 Marzo 2016

Il destino degli ungheresi è intrecciato a quello delle nazioni europee, ed è a tal punto legato agli altri che oggi nessun singolo popolo — compreso il popolo ungherese — può essere libero se l’Europa non è libera.
E oggi l’Europa è fragile, debole e malata come “un fiore divorato da un verme nascosto”.

Oggi, 168 anni dopo le grandi guerre di indipendenza dei popoli europei, l’Europa, la nostra casa comune, non è libera!
Signore e signori, l’Europa non è libera. Perché la libertà inizia con il dire la verità. Oggi in Europa è vietato dire la verità. Ma, anche se è fatta di seta, una museruola è pur sempre una museruola.
È vietato dire che coloro che arrivano non sono rifugiati, e che l’Europa è minacciata dalle migrazioni.
È vietato dire che in decine di milioni sono pronti a dirigersi qui da noi.
È vietato dire che l’immigrazione porta crimine e terrore nei nostri paesi.
È vietato far notare che le masse provenienti da altre civiltà mettono in pericolo il nostro modo di vita, la nostra cultura, i nostri costumi e le nostre tradizioni cristiane.
È vietato far notare che quelli arrivati ​​in precedenza hanno già costruito un proprio nuovo mondo separato per se stessi, con le proprie leggi e idee, e che stanno mettendo forzatamente in un angolo la millenaria struttura dell’Europa.

È vietato sottolineare che questa non è una catena di eventi accidentali e non-intenzionali, ma un’operazione pre-pianificata ed orchestrata: una massa di persone è stata diretta verso di noi.
È vietato dire che a Bruxelles stanno inventando meccanismi per trasportare gli stranieri qui il più rapidamente possibile e per stabilirli qui in mezzo a noi.
È vietato sottolineare che lo scopo del trapiantare questa gente qui è di rimodellare il panorama religioso e culturale dell’Europa, per riprogettare i suoi fondamenti etnici — eliminando così l’ultima barriera contro l’internazionalismo: gli Stati nazionali.

È vietato dire che Bruxelles ora sta sottraendo di nascosto fette sempre maggiori della nostra sovranità nazionale, e che a Bruxelles molti ora stanno facendo un piano per gli Stati Uniti d’Europa — piano a cui nessuno ha dato l’autorizzazione.

Signore e signori, gli attuali nemici della libertà sono fatti di una stoffa differente rispetto ai governanti reali e imperiali di un tempo, o rispetto a quelli del sistema sovietico: usano un insieme di strumenti diverso per costringerci alla sottomissione. Oggi non ci imprigionano, non ci trasportano nei campi di concentramento, e non inviano i carri armati per occupare i paesi fedeli alla libertà.
Oggi bastano i bombardamenti dell’artiglieria dei media internazionali, le denunce, le minacce e i ricatti — o meglio, sono bastati finora.

I popoli d’Europa si stanno lentamente risvegliando, si stanno riorganizzando, e presto sapranno recuperare terreno.

Le architravi dell’​​Europa che poggiano sulla soppressione della verità scricchiolano e mostrano crepe.
I popoli d’Europa forse hanno finalmente capito che il loro futuro è in gioco: ora non solo la loro prosperità, le loro vite confortevoli, i loro posti di lavoro sono messi in gioco, ma anche la stessa sicurezza e l’ordine pacifico della nostra vita sono minacciati.
Alla fine, i popoli d’Europa, che sono stati assopiti con l’abbondanza e la prosperità, stanno cominciando a capire che i principi su cui l’Europa è stata costruita sono ora minacciati da un pericolo mortale.

L’Europa è la comunità delle nazioni cristiane, libere ed indipendenti; della parità tra uomini e donne; della concorrenza leale e della solidarietà; dell’orgoglio e dell’umiltà; della giustizia e della misericordia.

Questa volta la minaccia non ci attacca come fanno le guerre e i disastri naturali, tirando improvvisamente via il tappeto da sotto i piedi. La migrazione di massa è una corrente d’acqua lenta e persistente, che erode gli argini. Viene mascherata da causa umanitaria, ma la sua vera natura è l’occupazione del territorio. E ciò che guadagna territorio a loro, sottrae territorio a noi.

Stormi di ossessionati difensori dei diritti umani sentono il bisogno travolgente di rimproverarci e di accusarci. Saremmo xenofobi ostili. Ma la verità è che la storia della nostra nazione è anche storia di inclusione e di intreccio di culture. Coloro che hanno cercato di venire qui come nuovi membri della famiglia, come alleati, o come sfollati che temono per le loro vite, sono stati lasciati entrare per costruire la loro casa. Ma quelli che sono venuti qui con l’intenzione di cambiare il nostro Paese, di modellare la nostra nazione a loro immagine, coloro che sono venuti con la violenza e contro la nostra volontà — questi hanno sempre incontrato resistenza.

Signore e signori, all’inizio si parla di trasferire solo poche centinaia, mille o duemila persone. Ma nessun leader europeo responsabile avrebbe il coraggio di giurare che questo paio di migliaia non diventeranno alla fine decine o centinaia di migliaia di persone.

Se vogliamo fermare questa migrazione di massa prima dobbiamo frenare Bruxelles.
Il pericolo principale per il futuro dell’Europa non viene da coloro che vogliono venire qui, ma dall’internazionalismo fanatico di Bruxelles. Non dobbiamo permettere a Bruxelles di posizionarsi al di sopra della legge. Non gli permetteremo di imporci il frutto amaro della sua politica di immigrazione da tutto il mondo. Non importeremo in Ungheria il crimine, il terrorismo, l’omofobia e l’antisemitismo che brucia le sinagoghe. Non ci saranno distretti urbani di là della legge, non ci saranno disordini di massa. Non ci saranno rivolte di immigrati qui, e non ci saranno bande che danno la caccia alle nostre donne e le figlie.

Non permetteremo ad altri di dirci chi possiamo lasciar entrare in casa nostra e nel nostro paese, con chi dovremo vivere insieme, e con chi condivideremo il nostro paese. Sappiamo come vanno queste cose. Prima gli permettiamo di dirci chi dobbiamo dar entrare, poi ci costringono a diventare servitori degli stranieri nel nostro paese. Alla fine ci ritroveremo a dover fare i bagagli e lasciare la nostra terra. Pertanto noi respingiamo il programma di insediamento forzato, e non tolleriamo né ricatti, né minacce.

È giunto il momento di suonare il campanello d’allarme. È giunto il momento per l’opposizione e la resistenza. È giunto il momento di raccogliere alleati intorno a noi. È giunto il momento di alzare la bandiera delle nazioni orgogliose. È giunto il momento di prevenire la distruzione dell’Europa, e di salvare il futuro dell’Europa.
Per questo fine facciamo appello a tutti i cittadini dell’Ungheria, a prescindere dal partito di appartenenza, perché si uniscano, e chiediamo ad ogni nazione europea di unirsi. I leader e i cittadini d’Europa non devono più vivere in due mondi separati. Dobbiamo ristabilire l’unità dell’Europa. Noi, i popoli d’Europa, non possiamo essere liberi singolarmente se non siamo liberi insieme. Se uniamo le nostre forze, ci riusciremo; se spingiamo in direzioni diverse, falliremo. Insieme siamo una forza, disuniti siamo debolezza. O insieme o nulla — oggi questa è la legge.

Ungheresi, nel 1848 è stato scritto nel libro del destino che nulla poteva essere fatto contro l’Impero asburgico. Se ci fossimo rassegnati a quel risultato, il nostro destino sarebbe stato segnato. E il mare tedesco avrebbe inghiottito gli ungheresi.

Nel 1956 è stato scritto nel libro del destino che dovessimo rimanere un paese occupato e sovietizzato fino a quando il patriottismo si fosse estinto nell’ultimo ungherese. Se ci fossimo rassegnati a questo risultato, il nostro destino sarebbe stato segnato. E il mare sovietico avrebbe inghiottito gli ungheresi.

Oggi è scritto nel libro del destino che poteri mondiali nascosti e senza volto elimineranno tutto ciò che è unico, autonomo, secolare e nazionale. Essi fonderanno culture, religioni e popoli fino a che la nostra poliedrica e orgogliosa Europa sarà diventata alla fine esangue e docile. Se ci rassegnassimo a questo risultato, il nostro destino sarebbe segnato. E saremmo inghiottiti nel ventre enorme degli Stati Uniti d’Europa.

Il compito che attende il popolo ungherese, le nazioni dell’Europa centrale e le altre nazioni europee che non hanno ancora perso il comune buon senso, è quello di sconfiggere, riscrivere e trasformare il destino come noi lo vogliamo. Noi ungheresi e polacchi sappiamo come farlo. Ci è stato insegnato che si può guardare il pericolo in faccia solo se si è abbastanza coraggiosi. Dobbiamo quindi riprendere l’antica virtù del coraggio estraendola fuori dall’oblio. Prima di tutto dobbiamo mettere acciaio nella nostra spina dorsale, e dobbiamo rispondere in modo chiaro, con voce abbastanza forte da essere sentita fino a molto lontano, alla più importante domanda che determina il nostro destino: la domanda su cui il futuro dell’Europa si trova sospeso è questa: “Saremo schiavi o uomini liberi? — questo è il problema, rispondete!”. Vai Ungheria, andiamo ungheresi!

UE come un enorme Belgio

Fonte: The Telegraph

La UE è come un enorme Belgio — incapace di far fronte al mondo moderno

L’UE manca della volontà e della capacità di autodifesa contro attacchi come quelli di questa settimana

di Charles Moore
25 Marzo 2016

C’era molto fastidio dopo le atrocità di Bruxelles questa settimana verso alcuni sostenitori del Brexit che hanno indicato gli eventi di Bruxelles come dimostrazione che la politica UE di libera circolazione e di frontiere aperte è pessima per la sicurezza. David Cameron ha ribattuto ad un euro-parlamentare UKIP che lo avea sostenuto: dichiarazione “non appropriata”, secondo il Primo Ministro.

Forse David Cameron ha ragione in termini di decoro. C’è un ordine da seguire in queste occasioni — prima si condannano i terroristi; poi si esprime la propria simpatia per le vittime, le loro famiglie e i loro  concittadini; solo dopo ci si può sentire liberi di discutere sulle cause e sugli errori. Se si sbaglia l’ordine, è un po’ come permettere agli assassini di farla franca. In gran parte la copertura dei fatti di questa settimana è stata dedicata alla rabbia verso le autorità belghe, più che agli assassinii compiuti dall’ISIL.

 

 

Ma la questione di cosa la UE fa o non fa per la sicurezza dei suoi cittadini è importante, e influenzerà il voto referendario del 23 giugno. Prima degli attacchi di Bruxelles, lo aveva sostenuto lo stesso David Cameron: a suo avviso, la sicurezza è un motivo centrale per votare Remain. Ha ragione?

L’UE ha un Coordinatore Anti-terrorismo. Capita che sia un belga, Gilles de Kerchove. Il suo predecessore si è dimesso nel 2007 perché sentiva che il suo incarico, che era stato istituito dopo gli attentati di Madrid del 2004, non aveva poteri adeguati. Non è mancanza di rispetto verso Mr de Kerchove, o verso la sua nazionalità, supporre che egli non sia stato in grado di smuovere molto le cose.

Per cinque o sei anni l’UE ha litigato su una “direttiva sulla registrazione dei nomi dei passeggeri”, che, se approvata, metterebbe i dati dei passeggeri degli aerei a disposizione delle competenti autorità di sicurezza di tutti gli Stati membri. Theresa May ci ha provato di nuovo ad una riunione dei Ministri UE della giustizia e degli affari interni, due giorni dopo il bombardamento. Ma non è ancora stato approvato niente.

(Tra parentesi: non è strano che veniamo minacciati, in caso lasciassimo l’Unione europea, di “dieci anni di negoziati” sui dettagli, come se questa fosse una esperienza nuova e sconvolgente? Per il fatto di essere nella UE, abbiamo negoziato incessantemente, spesso in modo inconcludente, per 40 anni.)

La lentezza non è l’unico problema. La resistenza ad un forte sistema di sicurezza all’interno dell’Unione è incorporata nella sua costituzione. La dottrina della libera circolazione delle persone, per esempio, implica che le autorità britanniche non sono autorizzate a sottoporre i cittadini UE che entrano in questo paese ai controlli sistematici che possono eseguire sugli altri stranieri.

La Corte di giustizia europea (ECJ) in Lussemburgo difende rigorosamente questi diritti dei cittadini. Il mese scorso ha pubblicato un parere preliminare in base al quale la moglie del figlio del terrorista Abu Hamza non può essere espulsa dalla Gran Bretagna: nonostante lei sia marocchina, quindi non cittadina UE, e abbia una condanna penale, è tuttavia l’unica persona a predersi cura del suo bambino, che è un cittadino UE (britannico). Quindi devono rimanere entrambi, e noi dobbiamo pagare.

I diritti dei cittadini, naturalmente, sono sempre importanti, e io non sto dicendo che, dal suo punto di vista, la Corte sbagli. Ma quanta fiducia avranno i cittadini nell’ordinamento legale che la Corte sostiene così virtuosamente se la sua potenziale applicazione non è in grado di proteggerli da persone che li vogliono morti?

Europeisti senza tante utopie, come David Cameron, potrebbero riconoscere che questi sono problemi reali, affermando però che è di vitale importanza migliorare la cooperazione UE in tema di intelligence e sicurezza. Hanno ragione, ma c’è un problema di fondo. Sir Richard Dearlove, l’ex capo del MI6, è stato ampiamente citato questa settimana. In un articolo della rivista Prospect, afferma che il costo di un Brexit “dal punto di vista della sicurezza nazionale … sarebbe basso”. Ma nessuno si è davvero focalizzato sul perché.

Sir Richard parla della “Regola della Terza Parte”, che è “essenziale per la cooperazione tra le intelligence in tutto il mondo” e non è adeguatamente compresa dai politici. Essa afferma che “chi riceve una informazione di intelligence da una nazione non può passarla mai ad una terza parte senza il consenso della nazione che l’ha fornita”. Se lo fa, la fiducia si rompe, e l’intelligence si inaridisce. L’Unione Europea ha 28 stati membri, per cui la “Regola della Terza Parte” difficilmente risolve il problema. Una “Regola delle 28 Parti” sarebbe più verosimile. Ma se proponi di raccontare i tuoi segreti a Romania, Grecia, Cipro, Belgio — tanto vale che li metti direttamente su internet.

Questo spiega perché — come ha detto ieri il generale Michael Hayden, l’ex capo della CIA — l’Unione europea “non contribuisce alla sicurezza nazionale”. E perché dovrebbe, dal momento che cerca di diluire il concetto di nazione? Il livello di gran lunga più alto di fiducia tra intelligence nel mondo è l’alleanza “Five Eyes”, tra Stati Uniti, Gran Bretagna, Australia, Canada e Nuova Zelanda. Questi paesi condividono una lunga esperienza di cooperazione nelle guerre, la lingua, una tradizione di common law e, in quattro casi, la Corona britannica. Questa settimana, la Nuova Zelanda ha votato per mantenere la bandiera dell’Unione sul proprio vessillo nazionale. La fiducia scorre in profondità.

L’UE non è nemmeno lontanamente così. È ancora definita dai suoi inizi: si è formata come progetto per riconciliare dei nemici. Ha avuto successo, per molti anni, nel portare la maggior parte degli europei a entrare nel progetto. Il progetto è stato anche in grado — almeno in parte — di far fronte alla fine del Comunismo, perché molti paesi precedentemente governati dall’Unione Sovietica hanno preferito l’offerta di “una casa comune europea”.

Ma ciò per cui la CEE (come si chiamava allora) non è mai stata progettata è di confrontarsi con la minaccia esterna, l’estremismo e la violenza. Il pericolo del Comunismo Sovietico fu affrontato, militarmente e politicamente, dai principali alleati della NATO, anzitutto dagli Stati Uniti. Nelle rare occasioni in cui l’UE ha cercato di affrontare problemi veramente brutti, ha fallito. Radovan Karadzic, condannato dalla Corte penale internazionale dell’Aia questa settimana, è stato in grado di commettere il suo genocidio nei primi anni 1990 in parte perché l’UE era troppo debole per fermarlo.

Nel 21° secolo il quadro è diventato più cupo. Gli Stati Uniti si sono ritratti. Sotto Vladimir Putin, la Russia è tornata aggressiva. Le turbolenze nel mondo musulmano hanno portato migrazioni di massa verso l’occidente ed estremismo e terrorismo all’interno dei confini dell’Unione. La potenza di gran lunga più forte in Europa è la Germania, ma la Germania, a causa di Hitler, è appassionatamente impegnata a non agire come una grande potenza, specialmente quando si tratta di uso della forza militare.

L’UE non è attrezzata per affrontare questi shock. Alcuni sostengono che andrebbe attrezzata per farlo, ma come, e in nome di quale autorità? L’UE è come una enorme, tentacolare, versione di livello continentale del Belgio, con cui condivide la capitale bombardata. Cerca di conciliare le differenze interne facendo finta che non esistano. Le manca la volontà e la capacità per l’auto-difesa.

Questa disposizione debole è ovviamente preferibile ad una singola dittatura al potere in Europa. Ma mette l’UE in balia del Presidente della Turchia Erdogan sul decidere chi far entrare, di Putin che si prende gioco di noi in Medio-Oriente e in Ucraina, di Assad in Siria che si domanda chi sia il prossimo da uccidere o espellere, e dell’ISIL che cerca di provocare un’insurrezione paneuropea contro gli infedeli.
Quanto sicuri vi fa sentire?

Un Brexit potrebbe salvare l’Europa da se stessa

Fonte: The Telegraph

Come un Brexit potrebbe salvare l’Europa da se stessa

di Allister Heath
9 Marzo 2016

Proprio coloro che amano l’Europa, la sua diversità, la sua storia e la sua umanità, dovrebbero essere i più entusiasti sostenitori di un Brexit. Un paradosso? No, affatto. L’Unione Europea, come attualmente costituita, è finita fuori strada. È destinata a fallire, prima o poi, con conseguenze catastrofiche per la nostra parte del mondo, e l’unica via da seguire è che un paese importante rompa i ranghi e dimostri che ci può essere un’alternativa migliore, più coerente con valori fondamentali dell’Illuminismo europeo.

Sarebbe molto meglio se noi — piuttosto che un paese più socialista o più nazionalista — fossimo i primi a rompere i ranghi: la Gran Bretagna avrebbe l’opportunità di dimostrare che il libero scambio, una società aperta e basata su un governo indipendente e con un approccio liberale, possono garantire la pace e la prosperità che sono al centro del sogno europeo. Altri si unirebbero presto a noi. Votando per restare in EU, perderemo l’autorità morale per protestare, e potrebbero invece trionfare altri approcci, meno benigni, più autarchici e illiberali.

La zona euro non funziona, e un’altra crisi economica, molto più vasta, è inevitabile. Il prossimo fattore scatenante potrebbe essere un tracollo fiscale in Italia, o in un altro collasso bancario, o un’implosione politica in Spagna o in Francia, o in un’altra recessione globale. Nessuno può sapere quale sarà la causa scatenante diretta — ma ce ne sarà una, e le sue ricadute provocheranno sconvolgimenti molto più grandi di quello che abbiamo visto in Grecia. Allo stesso tempo, le tensioni alimentate dalla crisi migratoria cresceranno inesorabilmente, soprattutto se centinaia di migliaia o addirittura milioni di rifugiati si installeranno in tutto il continente nel corso dei prossimi anni.

Molti nel campo “Remain” concordano sul fatto che la zona euro richiede un intervento chirurgico drastico, ma la loro soluzione è ingenua. Credono che una maggiore integrazione — uno stato sociale per tutta la zona euro, maggiori trasferimenti tra paesi, poteri centrali di politica fiscale — possano cancellare i difetti intrinseci della valuta. Dubito che questo possa davvero funzionare anche in termini puramente economici, ma se anche fosse, è delirante illudersi che tale modello sia politicamente sostenibile.

La parola democrazia deriva dal greco antico: denota un sistema in cui il popolo (dêmos) ha il potere o governa (krátos). Non ci può, per definizione, essere una vera democrazia in assenza di un popolo; e non esiste un qualcosa come un demos europeo. I francesi sono un popolo; gli svizzeri sono un popolo, anche se parlano più lingue; gli statunitensi sono un popolo, anche se democratici e repubblicani si odiano l’un l’altro. Ma, nonostante gli europei abbiano molto in comune, essi non sono un popolo. I danesi non conoscono e non si curano della politica portoghese; gli spagnoli non hanno alcuna conoscenza o interesse per le questioni della Lituania.

Si possono tenere elezioni pan-europee, naturalmente, con gli elettori che scelgono tra liste multi-nazionali di candidati; ma, allo stesso modo, si potrebbe anche chiedere a ogni persona sul pianeta di votare per un presidente del mondo. Simili iniziative sarebbero uno scimmiottamento delle procedure democratiche, ma sarebbero una farsa. Sarebbero un ribaltamento orwelliano della vera democrazia, non una sua estensione. Non ci sarebbe alcuna relazione o comprensione tra i governanti e i cittadini, nessun vero controllo popolare, nessuna vera responsabilità (accountability); coalizioni di grandi paesi imporrebbero la propria volontà alle nazioni più piccole, e le élite sarebbero in rivolta. Saremmo ritornati alla politica imperiale in forma moderna.

I governi possono forgiare la coesione culturale tramite scuole statali, propaganda e media governativi; possono imporre lingue e una identità nazionale comune prima inesistente. Ci sono state molte di costruzioni nazionali di questo tipo nei secoli 19° e 20°, con culture nazionali create da zero. Ma la costruzione di un nuovo Euro-demos oggi sarebbe totalitaria: richiederebbe, odiosamente, di spazzare via molte delle differenze culturali presenti in Europa e di riscrivere la storia.

Dato che non ci può essere una Euro-democrazia sensata in tempi brevi, l’unica alternativa logica sarebbe di abbandonare l’idea stessa di governo del popolo, imboccare la via di una radicale centralizzazione fiscale e politica della zona euro, affidando il potere a dei burocrati non eletti.

Una soluzione del genere avrebbe conseguenze altrettanto disastrose. Pur mantenendo alcune banali apparenze della democrazia, una nuova euro zona completamente integrata  diventerebbe una tecnocrazia: un conglomerato transnazionale gestito da funzionari. Alcuni intellettuali, in privato, affermano che lo Stato nazionale è soltanto una momentanea stranezza nella lunga storia dell’umanità e che la democrazia rappresentativa sta fallendo. Ma l’opinione pubblica giustamente respingerebbe una tale assurdità: il vero problema è che la gente ha troppo poco, non troppo, potere. Il prossimo trattato europeo, che quando verrà alla fine redatto rappresenterà un altro balzo integrazionista, sarà quasi impossibile da accettare.

Siamo quindi in un vicolo cieco. L’UE ha di fronte una implosione economica, demografica e culturale di lungo termine, e tiene lo sguardo fisso su un abisso di illegittimità. Un piccolo sottogruppo di paesi europei può essere in grado di fondersi. Sono scettico anche su questo, ma è certamente una possibilità. Ma abbiamo bisogno di un nuovo modello di cooperazione europea per coloro che si rendono conto che né lo status quo, né più integrazione sono la risposta.

Ecco dove Brexit entra in scena. Un distacco britannico dall’UE, se eseguito correttamente, potrebbe salvare l’Europa da se stessa: creerebbe un piano B, un’alternativa praticabile per i paesi che vogliono essere parte di un’Europa integrata, ma sono scontenti del senso di marcia attuale.

Nel giro di pochi anni, la Gran Bretagna potrebbe essere al centro di una rete di almeno sei o sette paesi indipendenti ma strettamente integrati; sicuramente includerebbe Norvegia, Svizzera e Islanda, ma altri potrebbero unirsi, tra cui forse alcuni paesi non-euro come la Danimarca e anche l’Olanda, un paese sempre più anti-UE.

Per quanto riguarda gli europei dell’est, la loro adesione all’UE è stato un modo per ridefinirsi come post-sovietici, con l’adesione Nato come percorso di sicurezza. Ma se l’Europa dovesse dividersi in due gruppi molto diversi, uno decentrato guidato dal Regno Unito e un’altro blocco sempre più integrato controllato da Berlino e Parigi, ci sarebbe improvvisamente per loro più di un’opzione. Alcune nazioni dell’Europa orientale finirebbero per seguire la Gran Bretagna.

La nuova comunità economica del Regno Unito potrebbe anche essere estesa ad altri stati non UE nel Mediterraneo, come Israele o anche più lontano. Predicare e piagnucolare non è più sufficiente: la Gran Bretagna deve guidare con l’esempio e mostrare ai nostri vicini che essere buoni europei non richiede più essere parte della UE.

Boris Johnson per il “Leave”

Fonte: The Telegraph

Boris Johnson esclusivo: C’è un solo modo per ottenere il cambiamento che vogliamo — Votare per lasciare l’UE

David Cameron ha fatto del suo meglio, ma un voto per Remain a Bruxelles sarà considerato come luce verde per una ulteriore erosione della democrazia

di Boris Johnson
22 Febbraio 2016

Io sono europeo. Ho vissuto molti anni a Bruxelles. E amo parecchio quel posto.
Quindi mi offende il nostro continuo confondere l’Europa — la sede della più grande e ricca cultura nel mondo, di cui la Gran Bretagna è e sarà sempre parte — con il progetto politico dell’Unione Europea. È quindi importante chiarire che non c’è nulla di necessariamente anti-europeo o xenofobo nel votare Leave il 23 giugno.

Ed è importante ricordare questo: non siamo stati noi in GB a cambiare. È stata l’Unione europea a farlo. Negli ultimi 28 anni, da quando ho iniziato a scrivere per questo giornale sul Mercato Comune — allora si chiamava così — il progetto europeo si è trasformato ed è cresciuto al punto da diventare irriconoscibile, un po’ come la distesa dei nuovi palazzi di vetro e acciaio delle istituzioni EU che ora si stagliano sopra le stradine acciottolate, nel cuore della capitale belga.
Quando sono andato a Bruxelles nel 1989, ho trovato funzionari (molti dei quali britannici) ben intenzionati ad abbattere le barriere commerciali con una nuova procedura — approvata da Margaret Thatcher — detta Voto a Maggioranza Qualificata. Gli sforzi di armonizzazione a volte erano comici: ho informato i miei lettori sugli euro-preservativi e sulla grande guerra contro i cocktail inglesi di gamberetti al croccante. Poi venne la riunificazione tedesca, e gli sforzi di Delors, Kohl e Mitterrand mossi dal panico di “bloccare” la Germania in Europa tramite l’euro; e da allora il ritmo dell’integrazione non è più rallentato.

Quando hanno aderito nuovi paesi, abbiamo assistito ad un frettoloso ampliamento dell’area del Voto a Maggioranza Qualificata, per cui la Gran Bretagna ora può essere messa in minoranza sempre più spesso (come è accaduto negli ultimi cinque anni). Abbiamo avuto non solo il trattato di Maastricht, ma anche quelli di Amsterdam, Nizza, Lisbona, e ciascuno di questi ha comportato un’estensione del potere UE ed un accentramento di potere a Bruxelles. Secondo la Biblioteca della Camera dei Comuni, qualcosa tra il 15 e il 50 per cento della legislazione del Regno Unito ora proviene dall’UE; e va ricordato che questo è un tipo di legislazione molto speciale. È inarrestabile, ed è irreversibile — dal momento che può essere abrogata solo dalla stessa UE. Chiedetevi quanta legislazione UE la Commissione ha effettivamente fatto ritornare indietro attraverso i suoi vari programmi per snellire la burocrazia. La risposta è: nulla. È per questo motivo che il diritto comunitario è paragonato ad un meccanismo che gira solo in avanti.

“Stiamo assistendo a un processo lento e invisibile di colonizzazione legale, in quanto l’UE si infiltra in quasi ogni settore della politica pubblica”
Boris Johnson

Stiamo assistendo ad un processo lento e invisibile di colonizzazione legale, in quanto l’UE si infiltra in quasi ogni settore della politica pubblica. Inoltre — questo è il punto chiave — l’Unione Europea acquista supremazia in ogni campo che tocca perché una delle basi dell’adesione britannica, accettata nel 1972, è che ogni questione che coinvolge l’UE debba finire in Lussemburgo per essere giudicata dalla Corte di Giustizia Europea.

Ma un conto era quando tale giudice si occupava solo di mercato unico, garantendo che ci fosse commercio libero ed equo in tutta l’UE. Ora siamo molto oltre quella fase. In base al trattato di Lisbona, la Corte ha assunto il potere di far valere i diritti individuali in base alla clausola-55 della “Carta dei diritti fondamentali”, tra cui sono compresi diritti speciali come il diritto di costituire una scuola, o il diritto di “esercitare una professione liberamente scelta” ovunque nell’UE, o il diritto di avviare un’impresa.

Questi non sono diritti fondamentali nel senso in cui noi normalmente intendiamo questo termine, e la mente vacilla pensando a come saranno imposti. Tony Blair ci ha raccontato che aveva un opt-out da questa Carta. Ma, ahimè, tale opt-out non si è dimostrato duraturo sul piano legale, e ci sono reali timori tra i giuristi britannici sull’attivismo della Corte.

Più l’Unione Europea agisce e meno spazio resta per il processo decisionale nazionale. A volte queste norme UE suonano semplicemente ridicole, come la regola che non si può riciclare una bustina di tè, o che i bambini sotto gli otto anni non possono far scoppiare i palloncini, o come i limiti sugli aspirapolvere. A volte possono essere veramente irritanti — come quando ho scoperto, nel 2013, che non c’era nulla che potessimo fare per avere le finestre delle cabine dei camion progettate meglio, per evitare che i ciclisti restino schiacciati. Doveva essere fatto a livello europeo, ed i francesi erano contrari.

A volte l’opinione pubblica può vedere fin troppo chiaramente l’impotenza dei politici che ha eletto — come sul tema dell’immigrazione. Questo la fa infuriare: non tanto per i numeri quanto per la mancanza di controllo. Questo è ciò che intendiamo per perdita di sovranità — l’impossibilità per la gente di prendere a calci, alle elezioni, gli uomini e le donne che controllano le loro vite. Stiamo assistendo ad una spoliazione dei cittadini dal potere che dovrebbero detenere, e sono sicuro che questo sta contribuendo al senso di disimpegno, all’apatia, all’idea che i politici sono “tutti uguali” e che non possono cambiare nulla, e alla crescita di partiti estremisti.

La democrazia conta; e trovo profondamente preoccupante che ai greci venga imposto cosa fare con il loro Bilancio e con la spesa pubblica, a dispetto delle enormi sofferenze della popolazione. E ora l’Unione Europea vuole andare oltre. C’è un documento che circola a Bruxelles chiamato “Il Rapporto dei Cinque Presidenti”, in cui i responsabili delle varie istituzioni UE fanno una mappa delle vie per salvare l’euro. Il tutto comporta una maggiore integrazione: un’unione sociale, un’unione politica, un’unione di bilancio. In un momento in cui Bruxelles dovrebbe decentrare il potere, lo sposta sempre più verso il centro, e non c’è modo che la Gran Bretagna possa evitare di esserne influenzata.

“In un momento in cui Bruxelles dovrebbe decentrare il potere, lo sposta sempre più verso il centro, e non c’è modo che la Gran Bretagna possa evitare di esserne influenzata”
Boris Johnson

BoJo

David Cameron ha fatto del suo meglio, e ha ottenuto più di quanto molti si aspettassero. Nell’accordo c’è qualche utile espressione sul fatto che la “unione sempre più stretta” non si applica al Regno Unito, sulla protezione dei membri UE fuori dall’euro rispetto a quelli dentro, e sulla concorrenza e la deregolamentazione.
C’è un eccellente disegno di legge nazionale in arrivo che afferma la sovranità del Parlamento britannico, frutto dell’eroico lavoro intellettuale di Oliver Letwin, che potrebbe raffreddare alcuni dei voli della fantasia federalista della Corte e della Commissione. Cose buone e giuste, ma che non possono fermare la Macchina; nella migliore delle ipotesi possono mettere temporanei ed occasionali dispositivi di blocco nel meccanismo.

C’è un solo modo per ottenere il cambiamento di cui abbiamo bisogno, ed è votare per andarsene, perché tutta la storia europea dimostra che ascoltano un popolo solo quando dice no. Il problema fondamentale resta che loro hanno un ideale che noi non condividiamo. Vogliono creare un’unione federale, “e pluribus unum“, mentre la maggior parte dei britannici non lo vuole.

È tempo di cercare un nuovo rapporto, in cui noi riusciamo a districarci dalla maggior parte degli elementi sovranazionali. Nelle prossime settimane sentiremo molto parlare dei rischi di questa opzione; il rischio per l’economia, il rischio per la City di Londra, e così via; e anche se tali rischi non possono essere del tutto scartati, penso che siano molto esagerati. Abbiamo già sentito questo genere di argomenti in passato, sulla decisione di non entrare nell’euro: in realtà è avvenuto proprio l’opposto.

Ammetto anche che c’è il rischio che un voto per lasciare l’UE, nella sua forma attuale, possa causare nuove tensioni nell’Unione tra Inghilterra e Scozia. D’altra parte, la maggior parte dei dati visti suggerisce che gli scozzesi voteranno all’incirca sulle stesse linee degli inglesi. Ci verrà detto che un Brexit potrebbe incoraggiare Putin, anche se a me pare che possa essere più incoraggiato, per esempio, dalla relativa passività dell’Occidente in Siria.

Soprattutto, ci verrà detto che, nonostante tutte le carenze democratiche della UE, per noi sarebbe meglio rimanere dentro per l'”influenza” che possiamo esercitare. Questo argomento mi pare sempre meno convincente. Solo il 4% del personale che prende decisioni nella Commissione è fatto di cittadini del Regno Unito, mentre la Gran Bretagna ha il 12% della popolazione dell’Unione Europea. Non è chiaro perchè la Commissione dovrebbe essere in grado di conoscere le esigenze dell’impresa e dell’industria del Regno Unito meglio della miriade di funzionari dello UK Trade & Investment o del Department for Business, Innovation and Skills.

Se vince il Leave, sarà certamente necessario negoziare un gran numero di accordi commerciali a grande velocità. Ma perché dovrebbe essere impossibile? Ci siamo così abituati alla Nonna a Bruxelles da diventare infantili, incapaci di immaginare un futuro indipendente. Abbiamo governato il più grande impero che il mondo abbia mai visto, con una popolazione nazionale molto più ristretta di adesso e con un Civil Service relativamente piccolo. Siamo davvero diventati incapaci di fare accordi commerciali? Avremo almeno due anni in cui i trattati esistenti saranno ancora in vigore.

Il rischio reale riguarda il sentimento generale dell’Europa, e il prestigio del progetto europeo. Dobbiamo prendere sul serio questo rischio. Dobbiamo ricordare che questa visione federalista non è un’idea ignobile. Nasce per i più alti motivi — mantenere la pace in Europa. Le persone che gestiscono le varie istituzioni dell’UE — che ci piace insultare in modo grossolano — sono, nella mia esperienza, funzionari dotati di principi morali e intelligenti. Hanno fatto alcune cose molto buone: penso, per esempio, al lavoro di Sir Leon Brittan come Commissario per la Concorrenza, e alla sua lotta contro gli aiuti di Stato.
Hanno solo una visione diversa sull’Europa. Mi auguro che sapranno vedere un voto per il Leave come una sfida, non solo per trovare un nuovo rapporto di armonia con la Gran Bretagna (in cui i benefici possano essere mantenuti), ma anche per recuperare parte della competitività che il continente ha perso negli ultimi decenni.

Qualunque cosa accada, la Gran Bretagna ha bisogno di essere di supporto per i suoi amici e alleati — ma sulle linee originariamente proposte da Winston Churchill: interessati, associati, ma non assorbiti; con l’Europa continentale — ma non compresi dentro. Abbiamo passato 500 anni a cercare di evitare che le potenze europee continentali si unissero contro di noi. Non c’è alcun motivo (per le persone sensate) che questo debba accadere ora, e ci sono tutte le ragioni per rapporti cordiali.

Per molti conservatori, questa questione è già stata un’agonia. Molti di noi sono profondamente divisi interiormente, e siamo divisi tra di noi. Sappiamo che non siamo d’accordo sulla sostanza, ma spero che si possa essere tutti d’accordo a concentrarci sugli argomenti; a giocare con palla e non con le persone.

Alla fine di tutto vogliamo ottenere un risultato e poi andare avanti uniti intorno a David Cameron — continuando a fornire posti di lavoro migliori, abitazioni migliori, una migliore salute, migliore educazione e qualità della vita per i nostri elettori per i quali (siamo franchi) l’UE non è sempre il problema numero uno.

È solo per merito del Primo Ministro, per il suo coraggio e la sua energia, e per il fatto che ha ottenuto la maggioranza per un governo conservatore, che ora abbiamo un referendum. Non dimenticate mai che se fosse stato per Jeremy Corbyn e per il cosiddetto People’s Party, la gente sarebbe tenuta completamente fuori dalla decisione.

Questo è il momento giusto per avere un referendum, perché nel momento in cui l’UE cambia, anche la Gran Bretagna sta cambiando. Questo è un grande paese che ora va a velocità straordinaria. Siamo leader europei, se non mondiali, in molti settori dell’economia del 21° secolo; non solo nei servizi finanziari, ma anche nei servizi alle imprese, nei media, nelle scienze biologiche, nelle università, nelle arti, nella tecnologia di tutti i tipi (tra le 40 aziende tecnologiche europee con valore superiore a 1 miliardo di dollari, 17 sono britanniche); e abbiamo ancora un settore manifatturiero fertile.
Ora è il momento per guidare questi prodotti e servizi al successo non solo in Europa, ma nei mercati in crescita oltre l’UE. Questo è il momento di essere coraggiosi, di fare nuove conquiste — non di attaccarsi alle gonne della Balia a Bruxelles, lasciando tutte le decisioni a qualcun altro.

“Questo è il momento di essere coraggiosi, di fare nuove conquiste — non di attaccarsi alle gonne della Balia a Bruxelles, lasciando tutte le decisioni a qualcun altro”
Boris Johnson

Abbiamo dato tanto al mondo, di termini di idee e di cultura, ma il più prezioso prodotto britannico di esportazione, quello per cui siamo più famosi, è proprio quello che viene ora sempre più messo in pericolo: la democrazia parlamentare — il modo in cui le persone esprimono il loro potere.

Abbiamo una di quelle possibilità che si presentano una sola volta nella vita: votare per un reale cambiamento nei rapporti tra la Gran Bretagna e il resto dell’Europa. Questa è l’unica opportunità che avremo mai per dimostrare che ci preoccupiamo per la nostra auto-determinazione. Un voto al Remain sarà visto a Bruxelles come luce verde per più federalismo e per l’erosione della democrazia.

Nelle prossime settimane, il punto di vista di quelli come me importerà sempre meno, perché la scelta appartiene al vero sovrano — il popolo del Regno Unito. E nella materia della propria sovranità il popolo, per definizione, saprà fare la cosa giusta.