Boris Johnson per il “Leave”

Fonte: The Telegraph

Boris Johnson esclusivo: C’è un solo modo per ottenere il cambiamento che vogliamo — Votare per lasciare l’UE

David Cameron ha fatto del suo meglio, ma un voto per Remain a Bruxelles sarà considerato come luce verde per una ulteriore erosione della democrazia

di Boris Johnson
22 Febbraio 2016

Io sono europeo. Ho vissuto molti anni a Bruxelles. E amo parecchio quel posto.
Quindi mi offende il nostro continuo confondere l’Europa — la sede della più grande e ricca cultura nel mondo, di cui la Gran Bretagna è e sarà sempre parte — con il progetto politico dell’Unione Europea. È quindi importante chiarire che non c’è nulla di necessariamente anti-europeo o xenofobo nel votare Leave il 23 giugno.

Ed è importante ricordare questo: non siamo stati noi in GB a cambiare. È stata l’Unione europea a farlo. Negli ultimi 28 anni, da quando ho iniziato a scrivere per questo giornale sul Mercato Comune — allora si chiamava così — il progetto europeo si è trasformato ed è cresciuto al punto da diventare irriconoscibile, un po’ come la distesa dei nuovi palazzi di vetro e acciaio delle istituzioni EU che ora si stagliano sopra le stradine acciottolate, nel cuore della capitale belga.
Quando sono andato a Bruxelles nel 1989, ho trovato funzionari (molti dei quali britannici) ben intenzionati ad abbattere le barriere commerciali con una nuova procedura — approvata da Margaret Thatcher — detta Voto a Maggioranza Qualificata. Gli sforzi di armonizzazione a volte erano comici: ho informato i miei lettori sugli euro-preservativi e sulla grande guerra contro i cocktail inglesi di gamberetti al croccante. Poi venne la riunificazione tedesca, e gli sforzi di Delors, Kohl e Mitterrand mossi dal panico di “bloccare” la Germania in Europa tramite l’euro; e da allora il ritmo dell’integrazione non è più rallentato.

Quando hanno aderito nuovi paesi, abbiamo assistito ad un frettoloso ampliamento dell’area del Voto a Maggioranza Qualificata, per cui la Gran Bretagna ora può essere messa in minoranza sempre più spesso (come è accaduto negli ultimi cinque anni). Abbiamo avuto non solo il trattato di Maastricht, ma anche quelli di Amsterdam, Nizza, Lisbona, e ciascuno di questi ha comportato un’estensione del potere UE ed un accentramento di potere a Bruxelles. Secondo la Biblioteca della Camera dei Comuni, qualcosa tra il 15 e il 50 per cento della legislazione del Regno Unito ora proviene dall’UE; e va ricordato che questo è un tipo di legislazione molto speciale. È inarrestabile, ed è irreversibile — dal momento che può essere abrogata solo dalla stessa UE. Chiedetevi quanta legislazione UE la Commissione ha effettivamente fatto ritornare indietro attraverso i suoi vari programmi per snellire la burocrazia. La risposta è: nulla. È per questo motivo che il diritto comunitario è paragonato ad un meccanismo che gira solo in avanti.

“Stiamo assistendo a un processo lento e invisibile di colonizzazione legale, in quanto l’UE si infiltra in quasi ogni settore della politica pubblica”
Boris Johnson

Stiamo assistendo ad un processo lento e invisibile di colonizzazione legale, in quanto l’UE si infiltra in quasi ogni settore della politica pubblica. Inoltre — questo è il punto chiave — l’Unione Europea acquista supremazia in ogni campo che tocca perché una delle basi dell’adesione britannica, accettata nel 1972, è che ogni questione che coinvolge l’UE debba finire in Lussemburgo per essere giudicata dalla Corte di Giustizia Europea.

Ma un conto era quando tale giudice si occupava solo di mercato unico, garantendo che ci fosse commercio libero ed equo in tutta l’UE. Ora siamo molto oltre quella fase. In base al trattato di Lisbona, la Corte ha assunto il potere di far valere i diritti individuali in base alla clausola-55 della “Carta dei diritti fondamentali”, tra cui sono compresi diritti speciali come il diritto di costituire una scuola, o il diritto di “esercitare una professione liberamente scelta” ovunque nell’UE, o il diritto di avviare un’impresa.

Questi non sono diritti fondamentali nel senso in cui noi normalmente intendiamo questo termine, e la mente vacilla pensando a come saranno imposti. Tony Blair ci ha raccontato che aveva un opt-out da questa Carta. Ma, ahimè, tale opt-out non si è dimostrato duraturo sul piano legale, e ci sono reali timori tra i giuristi britannici sull’attivismo della Corte.

Più l’Unione Europea agisce e meno spazio resta per il processo decisionale nazionale. A volte queste norme UE suonano semplicemente ridicole, come la regola che non si può riciclare una bustina di tè, o che i bambini sotto gli otto anni non possono far scoppiare i palloncini, o come i limiti sugli aspirapolvere. A volte possono essere veramente irritanti — come quando ho scoperto, nel 2013, che non c’era nulla che potessimo fare per avere le finestre delle cabine dei camion progettate meglio, per evitare che i ciclisti restino schiacciati. Doveva essere fatto a livello europeo, ed i francesi erano contrari.

A volte l’opinione pubblica può vedere fin troppo chiaramente l’impotenza dei politici che ha eletto — come sul tema dell’immigrazione. Questo la fa infuriare: non tanto per i numeri quanto per la mancanza di controllo. Questo è ciò che intendiamo per perdita di sovranità — l’impossibilità per la gente di prendere a calci, alle elezioni, gli uomini e le donne che controllano le loro vite. Stiamo assistendo ad una spoliazione dei cittadini dal potere che dovrebbero detenere, e sono sicuro che questo sta contribuendo al senso di disimpegno, all’apatia, all’idea che i politici sono “tutti uguali” e che non possono cambiare nulla, e alla crescita di partiti estremisti.

La democrazia conta; e trovo profondamente preoccupante che ai greci venga imposto cosa fare con il loro Bilancio e con la spesa pubblica, a dispetto delle enormi sofferenze della popolazione. E ora l’Unione Europea vuole andare oltre. C’è un documento che circola a Bruxelles chiamato “Il Rapporto dei Cinque Presidenti”, in cui i responsabili delle varie istituzioni UE fanno una mappa delle vie per salvare l’euro. Il tutto comporta una maggiore integrazione: un’unione sociale, un’unione politica, un’unione di bilancio. In un momento in cui Bruxelles dovrebbe decentrare il potere, lo sposta sempre più verso il centro, e non c’è modo che la Gran Bretagna possa evitare di esserne influenzata.

“In un momento in cui Bruxelles dovrebbe decentrare il potere, lo sposta sempre più verso il centro, e non c’è modo che la Gran Bretagna possa evitare di esserne influenzata”
Boris Johnson

BoJo

David Cameron ha fatto del suo meglio, e ha ottenuto più di quanto molti si aspettassero. Nell’accordo c’è qualche utile espressione sul fatto che la “unione sempre più stretta” non si applica al Regno Unito, sulla protezione dei membri UE fuori dall’euro rispetto a quelli dentro, e sulla concorrenza e la deregolamentazione.
C’è un eccellente disegno di legge nazionale in arrivo che afferma la sovranità del Parlamento britannico, frutto dell’eroico lavoro intellettuale di Oliver Letwin, che potrebbe raffreddare alcuni dei voli della fantasia federalista della Corte e della Commissione. Cose buone e giuste, ma che non possono fermare la Macchina; nella migliore delle ipotesi possono mettere temporanei ed occasionali dispositivi di blocco nel meccanismo.

C’è un solo modo per ottenere il cambiamento di cui abbiamo bisogno, ed è votare per andarsene, perché tutta la storia europea dimostra che ascoltano un popolo solo quando dice no. Il problema fondamentale resta che loro hanno un ideale che noi non condividiamo. Vogliono creare un’unione federale, “e pluribus unum“, mentre la maggior parte dei britannici non lo vuole.

È tempo di cercare un nuovo rapporto, in cui noi riusciamo a districarci dalla maggior parte degli elementi sovranazionali. Nelle prossime settimane sentiremo molto parlare dei rischi di questa opzione; il rischio per l’economia, il rischio per la City di Londra, e così via; e anche se tali rischi non possono essere del tutto scartati, penso che siano molto esagerati. Abbiamo già sentito questo genere di argomenti in passato, sulla decisione di non entrare nell’euro: in realtà è avvenuto proprio l’opposto.

Ammetto anche che c’è il rischio che un voto per lasciare l’UE, nella sua forma attuale, possa causare nuove tensioni nell’Unione tra Inghilterra e Scozia. D’altra parte, la maggior parte dei dati visti suggerisce che gli scozzesi voteranno all’incirca sulle stesse linee degli inglesi. Ci verrà detto che un Brexit potrebbe incoraggiare Putin, anche se a me pare che possa essere più incoraggiato, per esempio, dalla relativa passività dell’Occidente in Siria.

Soprattutto, ci verrà detto che, nonostante tutte le carenze democratiche della UE, per noi sarebbe meglio rimanere dentro per l'”influenza” che possiamo esercitare. Questo argomento mi pare sempre meno convincente. Solo il 4% del personale che prende decisioni nella Commissione è fatto di cittadini del Regno Unito, mentre la Gran Bretagna ha il 12% della popolazione dell’Unione Europea. Non è chiaro perchè la Commissione dovrebbe essere in grado di conoscere le esigenze dell’impresa e dell’industria del Regno Unito meglio della miriade di funzionari dello UK Trade & Investment o del Department for Business, Innovation and Skills.

Se vince il Leave, sarà certamente necessario negoziare un gran numero di accordi commerciali a grande velocità. Ma perché dovrebbe essere impossibile? Ci siamo così abituati alla Nonna a Bruxelles da diventare infantili, incapaci di immaginare un futuro indipendente. Abbiamo governato il più grande impero che il mondo abbia mai visto, con una popolazione nazionale molto più ristretta di adesso e con un Civil Service relativamente piccolo. Siamo davvero diventati incapaci di fare accordi commerciali? Avremo almeno due anni in cui i trattati esistenti saranno ancora in vigore.

Il rischio reale riguarda il sentimento generale dell’Europa, e il prestigio del progetto europeo. Dobbiamo prendere sul serio questo rischio. Dobbiamo ricordare che questa visione federalista non è un’idea ignobile. Nasce per i più alti motivi — mantenere la pace in Europa. Le persone che gestiscono le varie istituzioni dell’UE — che ci piace insultare in modo grossolano — sono, nella mia esperienza, funzionari dotati di principi morali e intelligenti. Hanno fatto alcune cose molto buone: penso, per esempio, al lavoro di Sir Leon Brittan come Commissario per la Concorrenza, e alla sua lotta contro gli aiuti di Stato.
Hanno solo una visione diversa sull’Europa. Mi auguro che sapranno vedere un voto per il Leave come una sfida, non solo per trovare un nuovo rapporto di armonia con la Gran Bretagna (in cui i benefici possano essere mantenuti), ma anche per recuperare parte della competitività che il continente ha perso negli ultimi decenni.

Qualunque cosa accada, la Gran Bretagna ha bisogno di essere di supporto per i suoi amici e alleati — ma sulle linee originariamente proposte da Winston Churchill: interessati, associati, ma non assorbiti; con l’Europa continentale — ma non compresi dentro. Abbiamo passato 500 anni a cercare di evitare che le potenze europee continentali si unissero contro di noi. Non c’è alcun motivo (per le persone sensate) che questo debba accadere ora, e ci sono tutte le ragioni per rapporti cordiali.

Per molti conservatori, questa questione è già stata un’agonia. Molti di noi sono profondamente divisi interiormente, e siamo divisi tra di noi. Sappiamo che non siamo d’accordo sulla sostanza, ma spero che si possa essere tutti d’accordo a concentrarci sugli argomenti; a giocare con palla e non con le persone.

Alla fine di tutto vogliamo ottenere un risultato e poi andare avanti uniti intorno a David Cameron — continuando a fornire posti di lavoro migliori, abitazioni migliori, una migliore salute, migliore educazione e qualità della vita per i nostri elettori per i quali (siamo franchi) l’UE non è sempre il problema numero uno.

È solo per merito del Primo Ministro, per il suo coraggio e la sua energia, e per il fatto che ha ottenuto la maggioranza per un governo conservatore, che ora abbiamo un referendum. Non dimenticate mai che se fosse stato per Jeremy Corbyn e per il cosiddetto People’s Party, la gente sarebbe tenuta completamente fuori dalla decisione.

Questo è il momento giusto per avere un referendum, perché nel momento in cui l’UE cambia, anche la Gran Bretagna sta cambiando. Questo è un grande paese che ora va a velocità straordinaria. Siamo leader europei, se non mondiali, in molti settori dell’economia del 21° secolo; non solo nei servizi finanziari, ma anche nei servizi alle imprese, nei media, nelle scienze biologiche, nelle università, nelle arti, nella tecnologia di tutti i tipi (tra le 40 aziende tecnologiche europee con valore superiore a 1 miliardo di dollari, 17 sono britanniche); e abbiamo ancora un settore manifatturiero fertile.
Ora è il momento per guidare questi prodotti e servizi al successo non solo in Europa, ma nei mercati in crescita oltre l’UE. Questo è il momento di essere coraggiosi, di fare nuove conquiste — non di attaccarsi alle gonne della Balia a Bruxelles, lasciando tutte le decisioni a qualcun altro.

“Questo è il momento di essere coraggiosi, di fare nuove conquiste — non di attaccarsi alle gonne della Balia a Bruxelles, lasciando tutte le decisioni a qualcun altro”
Boris Johnson

Abbiamo dato tanto al mondo, di termini di idee e di cultura, ma il più prezioso prodotto britannico di esportazione, quello per cui siamo più famosi, è proprio quello che viene ora sempre più messo in pericolo: la democrazia parlamentare — il modo in cui le persone esprimono il loro potere.

Abbiamo una di quelle possibilità che si presentano una sola volta nella vita: votare per un reale cambiamento nei rapporti tra la Gran Bretagna e il resto dell’Europa. Questa è l’unica opportunità che avremo mai per dimostrare che ci preoccupiamo per la nostra auto-determinazione. Un voto al Remain sarà visto a Bruxelles come luce verde per più federalismo e per l’erosione della democrazia.

Nelle prossime settimane, il punto di vista di quelli come me importerà sempre meno, perché la scelta appartiene al vero sovrano — il popolo del Regno Unito. E nella materia della propria sovranità il popolo, per definizione, saprà fare la cosa giusta.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...