Discorso di Orban: resistere alla migrazione forzata

Fonte: LiveLeak

English version | Versione italiana

 

Time for resistance.
Orban speech on forced mass migration in Europe

by Viktor Orban
15 March 2016

The destiny of the Hungarians has become intertwined with that of Europe’s nations, and has grown to be so much a part of the union that today no single people — including the Hungarian people — can be free if Europe is not free.
And today Europe is as fragile, weak and sickly as “a flower being eaten away by a hidden worm”.

Today, 168 years after the great Wars of Independence of the European peoples, Europe, our common home, is not free!
Ladies and gentlemen, Europe is not free. Because freedom begins with speaking the truth. Today in Europe it is forbidden to speak the truth. Even if it’s made of silk, a muzzle is a muzzle.
It is forbidden to say that those arriving are not refugees, but Europe is threatened by migration.
It is forbidden to say that tens of millions are ready to set out in our direction.
It is forbidden to say that immigration brings crime and terror to our countries.
It is forbidden to point out that the masses arriving from other civilizations endanger our way of life, our culture, our customs and our christian traditions.
It is forbidden to point out that those who arrived earlier have already built up their own new, separate world for themselves, with its own laws and ideals, which is forcing apart the thousand-year-old structure of Europe.

it is forbidden to point out that this is not an accidental and unintentional chain of consequences, but a pre-planned and orchestrated operation: a mass of people directed toward us.
It is forbidden to say that in Brussels they are concocting schemes to transport foreigners here as quickly as possible and to settle them here, among us.
It is forbidden to point out that the purpose of settling people here is to reshape the religious and cultural landscape of Europe, and to reengineer its ethnic foundations — thereby eliminating the last barrier to internationalism: the nation states.

It is forbidden to say that Brussels is now stealthily devouring more and more slices of our national sovereignty, and that in Brussels many are now making a plan for a United States of Europe — for which no one has given authorization.

Ladies and gentlemen, today’s enemies of freedom are cut from a different cloth than the royal and imperial rulers of old, or those who ran the Soviet system: they use a different set of tools to force us into submission. Today they not imprison us, they do not transport us to concentration camps, and they do not send in tanks to occupy countries loyal to freedom.
Today the international media’s artillery bombardments, denunciations, threats and blackmail are enough — or rather have been enough so far.

The peoples of Europe are slowly awakening, they are regrouping, and will soon regain ground.

Europe’s beams that rest on the suppression of truth are creaking and cracking.
The peoples of Europe may have finally understood that their future is at stake: now not only their prosperity, cosy lives and jobs are at stake, but our very security and the peaceful order of our lives are menaced as well.
At last, the peoples of Europe, who have been slumbering in abundance and prosperity, have understood that the principles of life that Europe has been built on are in mortal danger.

Europe is the community of Christian, free and independent nations; equality of men and women; fair competition and solidarity; pride and humility; justice and mercy.

This time the danger is not attacking us the way wars and natural disasters do, suddenly pulling the rug from under our feet. Mass migration is a slow stream of water persistently eroding the shores. It is masquerading as a humanitarian cause, but its true nature is the occupation of territory. And what is gaining territory for them is losing territory for us.

Flocks of obsessed human rights defenders feel the overwhelming urge to reprimand us and to make allegations against us. Allegedly we are hostile xenophobes. But the truth is that the history of our nation is also one of inclusion and the history of intertwining of cultures. Those who have sought to come here as new family members, as allies, or as displaced persons fearing for their lives have been let in, to make a new home for themselves. But those who have come here with the intention of changing our country, shaping our nation in their own image, those who have come with violence and against our will — have always been met with resistance.

Ladies and gentlemen, at first they talk about only a few hundred, a thousand or two thousands relocated people. But not a single responsible European leader would dare to swear under oath that this couples of thousands will not eventually increase to tens or hundreds of thousands.

If we want to halt this mass migration first we must curb Brussels.
The main danger to Europe’s future does not come from those who want to come here, but from Brussels fanatical internationalism. We should not allow Brussels to place itself above the law. We shall not allow it to force upon us the bitter fruit of its cosmopolitan immigration policy. We shall not import to Hungary crime, terrorism, homophobia and synagogue-burning anti-semitism. There shall be no urban district beyond the reach of the law, there shall be no mass disorder. No immigrant riots here, and there shall be no gangs hunting down our women and daughters.

We shall not allow others to tell us whom we can let into our home and country, whom we will live alongside, and with whom we will share our country. We know how these things go. First we allow them to tell us whom we must take in, then they force us to serve foreigners in our own country. In the end we found ourselves being told to pack up and leave our own land. Therefore we reject the forced resettlement scheme, and we shall tolerate neither blackmail, nor threats.

The time has come to ring the warning bell. The time has come for opposition and resistance. The time has come to gather allies to us. The time has come to raise the flag of proud nations. The time has come to prevent the destruction of Europe, and to save the future of Europe.
To this end, regardless of party affiliation, we call on every citizen of Hungary to unite, and we call on every European nation to unite. The leader and citizens of Europe must no longer live in two separate worlds. We must restore the unity of Europe. We the peoples of Europe, cannot be free individually if we are not free together. If we unite our forces, we shall succeed; if we pull in different directions, we shall fail. Together we are strength, disunite we are weakness. Either together, or not at all — today this is the law.

Hungarians, in 1848 it was written in the book of the fate that nothing could be done against the Habsburg Empire. If we had then resigned ourselves to that outcome, our fate would have been sealed. And the german sea would have swallowed up the Hungarians.

In 1956 it was written in the book of fate that we were to remain an occupied and sovietized country until patriotism was extinguished in the very last hungarian. If then we had resigned ourselves to that outcome, our fate would have been sealed. And the soviet sea would have swallowed up the Hungarians.

Today it is written in the book of fate that hidden, faceless world powers will eliminate everything that is unique, autonomous, age-old and national. They will blend cultures, religions and populations until our many-faceted and proud Europe will finally become bloodless and docile. And if we resigned ourselves to this outcome, our fate will be sealed and we will be swallowed up in the enormous belly of the United States of Europe.

The task which awaits the Hungarian people, the nations of Central Europe and the other european nations which have not yet lost all common sense, is to defeat, rewrite and transform the fate intended for us. We hungarian and Poles know how to do this. We have been taught that one can only look danger in the face if one is brave enough. We must therefore grab the ancient virtue of courage out from under the silt of oblivion. First of all we must put steel in out spines, and we must answer clearly, with a voice loud enough to be heard far and wide, the foremost, the single most important question determining our fate: the question upon which the future of Europe stands or fall is this: “Shall we be slaves or men set free – that is the question, answer me!”. Go for it Hungary, go for it Hungarians!

Tempo di resistere.
Discorso sulla Migrazione forzata in Europa

di Viktor Orban
15 Marzo 2016

Il destino degli ungheresi è intrecciato a quello delle nazioni europee, ed è a tal punto legato agli altri che oggi nessun singolo popolo — compreso il popolo ungherese — può essere libero se l’Europa non è libera.
E oggi l’Europa è fragile, debole e malata come “un fiore divorato da un verme nascosto”.

Oggi, 168 anni dopo le grandi guerre di indipendenza dei popoli europei, l’Europa, la nostra casa comune, non è libera!
Signore e signori, l’Europa non è libera. Perché la libertà inizia con il dire la verità. Oggi in Europa è vietato dire la verità. Ma, anche se è fatta di seta, una museruola è pur sempre una museruola.
È vietato dire che coloro che arrivano non sono rifugiati, e che l’Europa è minacciata dalle migrazioni.
È vietato dire che in decine di milioni sono pronti a dirigersi qui da noi.
È vietato dire che l’immigrazione porta crimine e terrore nei nostri paesi.
È vietato far notare che le masse provenienti da altre civiltà mettono in pericolo il nostro modo di vita, la nostra cultura, i nostri costumi e le nostre tradizioni cristiane.
È vietato far notare che quelli arrivati ​​in precedenza hanno già costruito un proprio nuovo mondo separato per se stessi, con le proprie leggi e idee, e che stanno mettendo forzatamente in un angolo la millenaria struttura dell’Europa.

È vietato sottolineare che questa non è una catena di eventi accidentali e non-intenzionali, ma un’operazione pre-pianificata ed orchestrata: una massa di persone è stata diretta verso di noi.
È vietato dire che a Bruxelles stanno inventando meccanismi per trasportare gli stranieri qui il più rapidamente possibile e per stabilirli qui in mezzo a noi.
È vietato sottolineare che lo scopo del trapiantare questa gente qui è di rimodellare il panorama religioso e culturale dell’Europa, per riprogettare i suoi fondamenti etnici — eliminando così l’ultima barriera contro l’internazionalismo: gli Stati nazionali.

È vietato dire che Bruxelles ora sta sottraendo di nascosto fette sempre maggiori della nostra sovranità nazionale, e che a Bruxelles molti ora stanno facendo un piano per gli Stati Uniti d’Europa — piano a cui nessuno ha dato l’autorizzazione.

Signore e signori, gli attuali nemici della libertà sono fatti di una stoffa differente rispetto ai governanti reali e imperiali di un tempo, o rispetto a quelli del sistema sovietico: usano un insieme di strumenti diverso per costringerci alla sottomissione. Oggi non ci imprigionano, non ci trasportano nei campi di concentramento, e non inviano i carri armati per occupare i paesi fedeli alla libertà.
Oggi bastano i bombardamenti dell’artiglieria dei media internazionali, le denunce, le minacce e i ricatti — o meglio, sono bastati finora.

I popoli d’Europa si stanno lentamente risvegliando, si stanno riorganizzando, e presto sapranno recuperare terreno.

Le architravi dell’​​Europa che poggiano sulla soppressione della verità scricchiolano e mostrano crepe.
I popoli d’Europa forse hanno finalmente capito che il loro futuro è in gioco: ora non solo la loro prosperità, le loro vite confortevoli, i loro posti di lavoro sono messi in gioco, ma anche la stessa sicurezza e l’ordine pacifico della nostra vita sono minacciati.
Alla fine, i popoli d’Europa, che sono stati assopiti con l’abbondanza e la prosperità, stanno cominciando a capire che i principi su cui l’Europa è stata costruita sono ora minacciati da un pericolo mortale.

L’Europa è la comunità delle nazioni cristiane, libere ed indipendenti; della parità tra uomini e donne; della concorrenza leale e della solidarietà; dell’orgoglio e dell’umiltà; della giustizia e della misericordia.

Questa volta la minaccia non ci attacca come fanno le guerre e i disastri naturali, tirando improvvisamente via il tappeto da sotto i piedi. La migrazione di massa è una corrente d’acqua lenta e persistente, che erode gli argini. Viene mascherata da causa umanitaria, ma la sua vera natura è l’occupazione del territorio. E ciò che guadagna territorio a loro, sottrae territorio a noi.

Stormi di ossessionati difensori dei diritti umani sentono il bisogno travolgente di rimproverarci e di accusarci. Saremmo xenofobi ostili. Ma la verità è che la storia della nostra nazione è anche storia di inclusione e di intreccio di culture. Coloro che hanno cercato di venire qui come nuovi membri della famiglia, come alleati, o come sfollati che temono per le loro vite, sono stati lasciati entrare per costruire la loro casa. Ma quelli che sono venuti qui con l’intenzione di cambiare il nostro Paese, di modellare la nostra nazione a loro immagine, coloro che sono venuti con la violenza e contro la nostra volontà — questi hanno sempre incontrato resistenza.

Signore e signori, all’inizio si parla di trasferire solo poche centinaia, mille o duemila persone. Ma nessun leader europeo responsabile avrebbe il coraggio di giurare che questo paio di migliaia non diventeranno alla fine decine o centinaia di migliaia di persone.

Se vogliamo fermare questa migrazione di massa prima dobbiamo frenare Bruxelles.
Il pericolo principale per il futuro dell’Europa non viene da coloro che vogliono venire qui, ma dall’internazionalismo fanatico di Bruxelles. Non dobbiamo permettere a Bruxelles di posizionarsi al di sopra della legge. Non gli permetteremo di imporci il frutto amaro della sua politica di immigrazione da tutto il mondo. Non importeremo in Ungheria il crimine, il terrorismo, l’omofobia e l’antisemitismo che brucia le sinagoghe. Non ci saranno distretti urbani di là della legge, non ci saranno disordini di massa. Non ci saranno rivolte di immigrati qui, e non ci saranno bande che danno la caccia alle nostre donne e le figlie.

Non permetteremo ad altri di dirci chi possiamo lasciar entrare in casa nostra e nel nostro paese, con chi dovremo vivere insieme, e con chi condivideremo il nostro paese. Sappiamo come vanno queste cose. Prima gli permettiamo di dirci chi dobbiamo dar entrare, poi ci costringono a diventare servitori degli stranieri nel nostro paese. Alla fine ci ritroveremo a dover fare i bagagli e lasciare la nostra terra. Pertanto noi respingiamo il programma di insediamento forzato, e non tolleriamo né ricatti, né minacce.

È giunto il momento di suonare il campanello d’allarme. È giunto il momento per l’opposizione e la resistenza. È giunto il momento di raccogliere alleati intorno a noi. È giunto il momento di alzare la bandiera delle nazioni orgogliose. È giunto il momento di prevenire la distruzione dell’Europa, e di salvare il futuro dell’Europa.
Per questo fine facciamo appello a tutti i cittadini dell’Ungheria, a prescindere dal partito di appartenenza, perché si uniscano, e chiediamo ad ogni nazione europea di unirsi. I leader e i cittadini d’Europa non devono più vivere in due mondi separati. Dobbiamo ristabilire l’unità dell’Europa. Noi, i popoli d’Europa, non possiamo essere liberi singolarmente se non siamo liberi insieme. Se uniamo le nostre forze, ci riusciremo; se spingiamo in direzioni diverse, falliremo. Insieme siamo una forza, disuniti siamo debolezza. O insieme o nulla — oggi questa è la legge.

Ungheresi, nel 1848 è stato scritto nel libro del destino che nulla poteva essere fatto contro l’Impero asburgico. Se ci fossimo rassegnati a quel risultato, il nostro destino sarebbe stato segnato. E il mare tedesco avrebbe inghiottito gli ungheresi.

Nel 1956 è stato scritto nel libro del destino che dovessimo rimanere un paese occupato e sovietizzato fino a quando il patriottismo si fosse estinto nell’ultimo ungherese. Se ci fossimo rassegnati a questo risultato, il nostro destino sarebbe stato segnato. E il mare sovietico avrebbe inghiottito gli ungheresi.

Oggi è scritto nel libro del destino che poteri mondiali nascosti e senza volto elimineranno tutto ciò che è unico, autonomo, secolare e nazionale. Essi fonderanno culture, religioni e popoli fino a che la nostra poliedrica e orgogliosa Europa sarà diventata alla fine esangue e docile. Se ci rassegnassimo a questo risultato, il nostro destino sarebbe segnato. E saremmo inghiottiti nel ventre enorme degli Stati Uniti d’Europa.

Il compito che attende il popolo ungherese, le nazioni dell’Europa centrale e le altre nazioni europee che non hanno ancora perso il comune buon senso, è quello di sconfiggere, riscrivere e trasformare il destino come noi lo vogliamo. Noi ungheresi e polacchi sappiamo come farlo. Ci è stato insegnato che si può guardare il pericolo in faccia solo se si è abbastanza coraggiosi. Dobbiamo quindi riprendere l’antica virtù del coraggio estraendola fuori dall’oblio. Prima di tutto dobbiamo mettere acciaio nella nostra spina dorsale, e dobbiamo rispondere in modo chiaro, con voce abbastanza forte da essere sentita fino a molto lontano, alla più importante domanda che determina il nostro destino: la domanda su cui il futuro dell’Europa si trova sospeso è questa: “Saremo schiavi o uomini liberi? — questo è il problema, rispondete!”. Vai Ungheria, andiamo ungheresi!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...